News

A soli 12 anni ha creato una App che cambierà la vita a milioni di persone

Un ragazzino di 12 anni ha inventato una straordinaria App per aiutare le persone con difficoltà motorie.

“Ability App”: i luoghi pubblici accessibili anche dai disabili

Alex Knoll è un dodicenne americano davvero intraprendente che, vedendo un perfetto sconosciuto disabile in difficoltà (non riusciva ad aprire una porta pesante) ha avuto l’ispirazione per un’utilissima App per aiutare le persone con problemi motori.

Accedere agli spazi pubblici per le persone con disabilità può essere difficile. Spesso i negozi non hanno porte automatiche, i ristoranti hanno corridoi troppo stretti e i parchi gioco non possiedono zone accessibili a chi è in carrozzina.

Dopo un po’ di studio Alex ha pensato a una Ability App, ovvero un’applicazione per aiutare le persone con disabilità e chi si occupa di loro a navigare gli spazi pubblici. Più nello specifico quest App mostra quali luoghi sono dotati di rampe per disabili, menù in Braille, luoghi per il soccorso degli animali, ristoranti con posti per le carrozzine, ecc…

Inoltre sono segnalati anche negozi che consegnano la spesa a domicilio, altri servizi a domicilio, trasporti e terapia occupazionale, proposte di lavoro per persone con disabilità.

L’idea del piccolo Alex è stata subito riconosciuta come “geniale” e il ragazzino ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti nazionali e internazionali. Ma il grande salto l’ha avuto solo recentemente, dopo aver partecipato ad una puntata del noto talk show americano Ellen dove il bimbo ha mostrato il funzionamento della sua nuovissima App.

Per sviluppare ulteriormente la sua App, rispetto al prototipo iniziale funzionante, Alex aveva bisogno di raggiungere 25 mila dollari, ed è per questo che aveva lanciato una raccolta fondi su Go Fund me.

Purtroppo in 20 mesi il ragazzino aveva raccolto solo 350 dollari e così la presentatrice Ellen Degeneres dopo avergli proposto di lavorare con il suo team tecnico gli ha anche dato un assegno da 25 mila dollari, la somma necessaria per finanziare la App a pieno regime.

Il funzionamento della App è molto intuitivo: nella home page compaiono una serie di servizi e attività commerciali tra cui scegliere e da lì si procede con la scelta.

“Grazie Alex per aver riconosciuto un bisogno urgente nella comunità composta da disabili. Io devo sempre chiamare in anticipo per conoscere se ci sono ostacoli come gradini, la distanza del parcheggio delle persone con handicap dall’entrata, non sai quante volte ho chiamato e le persone addette non hanno saputo come rispondere. A volte preferisco rimanere a casa e non affrontare paure e frustrazione. Essere disabile può portare all’isolamento” si legge un post riportato su The Mighty.

Unimamme voi cosa ne pensate di questa fantastica App, che una volta pronta sarà interamente gratuita?

In Italia abbiamo, per esempio, Easyway che aiuta chi ha difficoltà motorie a conoscere l’accessibilità a determinati luoghi come (parcheggi, Ztl o bagni), questa app recensisce anche locali disable friendly.

Vi lasciamo con un approfondimento sul potenziale delle persone con disabilità.

Fonte: universomamma.it

(s.c./l.v.)

 

Post precedente

In un solo portale tutti i sistemi per muoversi in città: primo esperimento in Italia

Prossimo post

Progetto Politecnico di Torino - Carrozzina elettrica

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?