AGDNews

Agd Piemonte e Valle D’Aosta

AGD – Associazione per l’Aiuto al Giovane Diabetico

L’AGD è l’Associazione Aiuto Giovane Diabetico, attiva sia in Piemonte che in Valle d’Aosta, nata nel 1975 per volontà dei genitori dei bambini colpiti dal Diabete Mellito di tipo 1, in collaborazione con alcuni medici dell’Istituto di Clinica Pediatrica dell’Università di Torino.

tango

AGD è una Onlus certificata che offre sostegno psicologico, formativo e burocratico ai bambini e ragazzi diabetici e alle loro famiglie. Attualmente sono circa 600 i bambini in cura presso il centro diabetologico dell’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, con cui l’associazione collabora da circa 40 anni e si adopera per la raccolta fondi per la Ricerca.
Un breve ma doveroso inciso è necessario: esistono due tipi di diabete, quello di tipo 1 e quello di tipo 2.

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune, dove il pancreas non produce più insulina. Il diabete di tipo 1 normalmente si manifesta in età pediatrica, di solito durante l’infanzia o l’adolescenza.

Il diabete di tipo 2 si manifesta normalmente in persone sovrappeso con l’avanzare dell’età. Il diabete di tipo 2 rappresenta la forma più diffusa della malattia (circa il 90% dei casi). La differenza tra diabete di tipo 1 e tipo 2 risiede nel fatto che nel secondo caso il pancreas non produce una quantità sufficiente di insulina o l’organismo non è in grado di utilizzarla in modo corretto.

Nel caso dei bambini il diabete è sempre insulino dipendente e questo comporta l’obbligo di misurare la glicemia più volte al giorno, di sottoporsi a iniezioni di insulina (fino a 4/5 punture al dì) nonché di seguire una dieta bilanciata.
La Ricerca è fondamentale per lo studio di questa patologia: per questa ragione AGD spesso organizza e partecipa ad eventi il cui ricavato ne finanzia lo studio.
Il primo appuntamento di quest’anno è per domenica 21 febbraio alle ore 16.00, in occasione dello Spettacolo “Apriti Tango” organizzato da Grazia Fontanarosa, che avrà luogo presso il Teatro della Concordia a Venaria Reale (To).
La metà dell’incasso sarà destinato alla ricerca scientifica sul Pancreas artificiale (l’altra metà sarà devoluta all’Associazione Madian Orizzonti)

Per maggiori informazioni sullo Spettacolo leggi l’articolo Spettacolo “Apriti Tango”.
Per maggiori informazioni sull’Associazione clicca su www.agdpiemonte.it
Per acquistare un biglietto per Apriti Tango clicca su Rete del dono  : il costo è di Euro 15.00 ad ingresso (in questo caso è possibile la detrazione sulla dichiarazione dei redditi) oppure scrivi a Grazia Fontanarosa al 389 119 45 58  oppure recati al Teatro il giorno dello spettacolo!

I partecipanti avranno diritto ad una lezione di Tango gratuita!

                                                                           I ragazzi di Volonwrite

Post precedente

"Apriti Tango", la magia di un ballo nel racconto della sua storia

Prossimo post

Madian Orizzonti Onlus

The Author

Claudia Cespites

Claudia Cespites

Ci sono persone che da subito nascono con la vocazione per il mondo del sociale: sognano di diventare educatori, assistenti sociali, insegnanti.
E poi ci sono persone che nel colorato panorama del sociale ci "inciampano" per caso, come è successo a me. A differenza di tanti miei colleghi dell'associazione io provengo da un mondo completamente differente, con studi in comunicazione e marketing e con un contratto di lavoro come addetta ufficio presso un supermercato alimentare: ero abituata a confrontarmi con numeri e dati, più che con le persone.
Ma a volte, per fortuna, la vita ti riserva percorsi di crescita personale e professionale imprevedibili, che cambiano completamente il tuo modo di pensare e la prospettiva con cui ti rapporti a ciò che ti circonda.
Da quando, due anni fa, ho risposto a quell'annuncio di stage in comunicazione sociale presso l'Associazione Volonwrite, la mia vita è cambiata.
Ad oggi mi chiedo come sarebbero stati i miei giorni senza questa realtà: sicuramente più grigi, più "soli" e più superficiali...
A Volonwrite devo tantissimo: per me si tratta di una seconda famiglia, più che di un'associazione...e si sa, la famiglia non si abbandona mai!