News

Arrivederci 2015!


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.volonwrite.org/home/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.volonwrite.org/home/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Arrivederci 2015 e benvenuto ad un nuovo anno di eventi, avvenimenti e –ci auguriamo- conquiste per il sociale.

Quali i ricordi dell’anno concluso? Numerosi, alcuni riguardanti successi privati ottenuti grazie alla medicina e alla solidarietà, altri rappresentati da scelte commerciali non convenzionali.

Ecco alcuni esempi tratti dal mondo del cinema, dello sport, della moda e del quotidiano…
Citiamo, per cominciare, il bel gesto dell’attore e produttore cinematografico statunitense Robert Downey Jr. che nel mese di marzo si è calato nel mondo reale nei panni di Iron Man-Tony Stark. Un’azione mirata a regalare un braccio bionico ad un bimbo di sette anni disabile dalla nascita e appassionato di supereroi.

Il popolare attore era stato reclutato dal team della società Limbitless Solution, un progetto della University of Central Florida portato avanti da Albert Manero, dottorando in ingegneria.

Dal cinema allo sport, per ricordare le vittorie al Campionato Europeo 2015, dove nel Nuoto DSISO gli azzurri con Sindrome di Down hanno portato a casa ben 54 medaglie.

Anche la Moda ha deciso di uscire dagli stereotipi di bellezza investendo sulla testimonial Winnie Harlow, modella con vitiligine scelta per rappresentare le famose marche di Diesel e Desigual: un bel passo in avanti rispetto ai canoni di perfezione adottati solitamente dalle campagne pubblicitarie.

Dal mondo dei riflettori ad un quartiere turco che, coinvolto in un esperimento sociale organizzato da Samsung, ha realizzato una sorpresa per un ragazzo sordo: ci sono voluti mesi per far imparare ai passanti, ai fruttivendoli e alle comparse del quartiere la lingua dei segni, ma la sorpresa è riuscita nel migliore dei modi.

Non ci resta che seguire questa ventata di positività per augurare a tutti voi un 2016 ricco di buone notizie!

Post precedente

Il discorso del presidente

Prossimo post

Le persone con disabilità che fanno turismo sono turisti!

The Author

Claudia Cespites

Claudia Cespites

Ci sono persone che da subito nascono con la vocazione per il mondo del sociale: sognano di diventare educatori, assistenti sociali, insegnanti.
E poi ci sono persone che nel colorato panorama del sociale ci "inciampano" per caso, come è successo a me. A differenza di tanti miei colleghi dell'associazione io provengo da un mondo completamente differente, con studi in comunicazione e marketing e con un contratto di lavoro come addetta ufficio presso un supermercato alimentare: ero abituata a confrontarmi con numeri e dati, più che con le persone.
Ma a volte, per fortuna, la vita ti riserva percorsi di crescita personale e professionale imprevedibili, che cambiano completamente il tuo modo di pensare e la prospettiva con cui ti rapporti a ciò che ti circonda.
Da quando, due anni fa, ho risposto a quell'annuncio di stage in comunicazione sociale presso l'Associazione Volonwrite, la mia vita è cambiata.
Ad oggi mi chiedo come sarebbero stati i miei giorni senza questa realtà: sicuramente più grigi, più "soli" e più superficiali...
A Volonwrite devo tantissimo: per me si tratta di una seconda famiglia, più che di un'associazione...e si sa, la famiglia non si abbandona mai!