NewsSport&Disabilità

Assegnati i Titoli Italiani di sci nautico paralimpico

La competizione nazionale iniziata lo scorso venerdì a Recetto (NO) si è conclusa domenica per gli atleti paralimpici con la premiazione da parte del Presidente della Federazione Sci Nautico e Wakeboard e dell’organizzatore e consigliere federale Dario Rossi.

I titoli sono stati così assegnati:
1° Christian Lanthaler – Slalom L (standing)
1° Pietro de Maria – Slalom e Figure MP3 (seated)
1° Sabrina Bassi – Slalom e Figure MP5 (seated)
1° Alessia Refolo – Slalom V1 (vision impaired)
1° Daniele Cassioli – Slalom, Figure, Salto e Combinata V1 (vision impaired)
2° Uber Riva – Slalom, Figure, Salto e Combinata V1 (vision impaired)
3° Matteo Fanchini – Slalom e Figure V1 (vision impaired)

La classifica All Skiers di Slalom (è una classifica assoluta) ha premiato:
1° Daniele Cassioli
2° Christian Lanthaler
3° Pietro De Maria

La classifica All Skiers di Figure (classifica assoluta):
1° Daniele Cassioli
2° Pietro De Maria
3° Sabrina Bassi

«Anche questi Campionati Italiani sono andati benissimo – dichiara il tecnico nazionale della squadra disabili Daniele D’Alberto – erano quasi tutti in forma perfetta e così abbiamo visto Daniele Cassioli eguagliare il record del mondo in Slalom (5/58/12), che lui stesso detiene, fare una bella prestazione in Figure (1910 punti) e nel salto realizzare una delle migliori prestazioni di sempre. Bravo anche Uber Riva che migliora 2 record personali: in slalom con 00/58/13 e in salto supera i 18 metri, grande Uber – continua D’Alberto – Alessia Refolo, new entry del gruppo ha già fatto 2 valide prestazioni in slalom e promette molto bene, Pietro De Maria ha vinto senza esitazioni nella sua categoria con record personale in Figure (740 punti), anche Sabrina Bassi migliora il personal best con 760 punti . L’altoatesino Christian Lanthaler fa un’ottima prestazione nella 1° manche di Slalom 3/58/16. Sono soddisfatto anche di Matteo Fanchini che migliora sempre di più. Ma la cosa che mi appaga del lavoro svolto in questi anni è vedere che i non vedenti stanno riconoscendo lo sci nautico come uno sport facilmente praticabile, adatto a loro in quanto non necessita di guida (salto a parte), il campo è limitato e per questo è uno sport molto sicuro, molto adatto a loro».

Tutti i risultati al link seguente:

http://www.iwwfed-ea.org/competition.php?cc=D-17EACD008&page=live

Foto di Paolo Migliavacca e Andrea Gilardi

Post precedente

Narrare la disabilità, per superare le credenze: ci si prova in Kenya

Prossimo post

L’accessibilità che si diffonde anche sulle spiagge

The Author

Marco Berton

Marco Berton