News

Barriere architettoniche: Google Maps segnala bar e locali accessibili ai disabili

MILANO – Conoscere i luoghi accessibili alle persone sulla sedia a rotelle ora sarà più facile. Su Google Maps è stata inserita questa informazione all’interno della descrizione di un locale, sotto la voce Servizi.

Google ha potuto aggiungere questa indicazione facendo affidamento sulle recensioni lasciate dai viaggiatori su Local Guides . D’ora in poi a chi fa parte di questa comunità verrà espressamente chiesto se il luogo frequentato abbia accessi pensati per le persone disabili.

L’idea di aggiungere questa informazione su Google Maps è venuta a Rio Akasaka, dipendente dell’azienda di Mountain View che normalmente si occupa del servizio Drive.

Akasaka si è dedicato a questo progetto durante il giorno settimanale che Google lascia libero ai propri dipendenti per lavorare a idee non necessariamente legate al proprio impiego principale.

L’accessibilità alle persone disabili è soltanto una delle ultime funzioni che sono state aggiunte di recente su Google Maps.

Da poco è trapelata l’indiscrezione che sarà possibile condividere con gli amici la propria posizione.

Qualche settimana fa invece è stato realizzato un servizio che in tempo reale è in grado di dire quanto è affollato un locale.

In estate un aggiornamento aveva portato a segnalare più chiaramente le aree di interesse di una città.

Fonte: comunicaffè.it

(s.c./iab)

Post precedente

Giuseppe Antonucci eletto Presidente di CPD

Prossimo post

Cinema senza barriere: 24 film da tutto il mondo accessibili ai sordi

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?