News

Brevi sulla disabilità – 19 aprile 2018

Nasce a Grugliasco il brevetto di un tavolo che permetterà ai disabili di giocare a bocce

L’idea di un mini tavolo per il gioco delle bocce, in particolare per la specialità della raffa, è di un grugliaschese d’adozione: pensata, realizzata e brevettata da Guido Fochi, classe 1943 ed originario di Contarina in provincia di Rovigo. L’obiettivo principale che l’ha ispirata è consentire a tutti i portatori di handicap fisici o che hanno problemi di deambulazione e che quindi non potrebbero praticare questo sport nei campi da gara regolamentari.

Continua a leggere su www.torinosportiva.it

Incontro Cip-Fipav dopo lo storico risultato del sitting volley femminile

Oggi il presidente della Federazione Italiana Pallavolo, Pietro Bruno Cattaneo, ha fatto visita al presidente del Comitato Italiano Paralimpico Luca Pancalli. L’incontro è stata l’occasione per parlare di vari argomenti tra i quali la recente qualificazione ai Campionati del Mondo Femminili di sitting volley (Arnhem, Olanda 15-21 luglio), ottenuta in Corea del Sud dalla Nazionale italiana, e i nuovi programmi per lo sviluppo e la diffusione di questa disciplina.

Continua a leggere su www.comitatoparalimpico.it

Il web e l’empatia nella riabilitazione di ciechi e ipovedenti: il modello di Yeah

Una coooperativa sociale veronese fondata da giovani ipovedenti propone un modello integrato di assistenza che si basa sul web e le risorse informatiche.

Continua a leggere su www.disabili.com

Che succederà a Torino se quei tagli al welfare non verranno coperti?

«Leggiamo con preoccupazione la notizia per cui il Bilancio del comune di Torino è stato licenziato con un taglio lineare sul capitolo welfare di oltre 2 milioni e mezzo di euro. Ciò significa che una spesa storica già insufficiente viene portata a un livello ancora inferiore, con il conseguente progressivo trasferimento del carico economico alle famiglie, in un contesto di generale impoverimento dovuto alla crisi»: a denunciarlo è Giancarlo D’Errico dell’ANFFAS, che aggiunge: «E non è ancora chiaro se l’Amministrazione conta di recuperare risorse da altri capitoli per coprire il taglio».

Continua a leggere su www.superando.it

 

Post precedente

Domani il convegno "Da segregato in casa a cittadino consapevole"

Prossimo post

Ciak si scrive!

The Author

redazione

redazione