La Salute in Comune - 2014

Canti Popolari a La Salute in Comune 2014

Maria Teresa Pagura, in arte Maresa, inizia il suo percorso artistico con vari corsi di formazione teatrale, tra cui due anni presso la Scuola di Recitazione A. Blandi di Torino. In seguito, frequenta corsi di danza e infine completa la sua formazione “da palcoscenico” popolaricon tre anni di scuola di canto al Centro Jazz di Torino; per oltre quindici anni studia canto lirico. Partecipa, nel corso degli anni, alla produzione di diverse opere e concerti, si dedica in particolar modo al canto e danze popolari.

Nel 1988 fonda l’Associazione Culturale Locomotivo Teatro e nel 1991 l’Associazione Teatro dell’Acqua con la quale, lavorando come attrice, cantante e regista, organizza laboratori teatrali con persone disabili e scuole pubbliche.

Attualmente, è impiegata con il ruolo di educatrice, presso il Servizio Passepartout del Comune di Torino per il quale cura il Magazine Arte&Cultura del sito InformadisAbile cittadino.

Dopo aver organizzato e coordinato tutti i laboratori che si sono proposti durante l’evento La Salute in Comune 2014, a conclusione di questa manifestazione Maresa ha proposto un inedito laboratorio di Canto Pololare, attività a cui si dedica da oltre 15 anni con diverse manifestazioni quali il Festival Internazionale Grand Bal Trad di Valfrè o la settimana di musica e danze popolari ad Ischia.

Noi di Volonwrite non possiamo far altro che ringraziare Maresa per il prezioso contributo dato a La Salute in Comune e per il suo ingegno artistico (non solo canoro), che abbiamo avuto il piacere di ammirare.

Per Associazione Volonwrite
Manuela J. Pavia

Post precedente

Acqua... da Torino all'Universo!

Prossimo post

La Salute in Comune 2014 - TG 18 Luglio

The Author

Manuela Pavia

Manuela Pavia

Ciao, sono Manuela J. collaboratrice della redazione multimediale per la comunicazione sociale del servizio Passepartout. Nel raccontarmi vi confesso che fin da bambina ho avuto una spiccata predisposizione per l’arte, questo mi ha portata crescendo a seguire un percorso di studi nel settore! A seguito della mia scelta di Servizio Civile, che ho svolto come educatrice presso l’oratorio Salesiano San Luigi, la mia formazione da li in avanti verte su una scelta più di tipo sociale/educativo. Partecipo come volontaria a diverse associazioni, tra cui A.V.O, Croce Rossa Italiana, ecc… A seguito di un incidente a cavallo nel 2011, entro nel mondo della disabilità, da qui la scelta di rimettersi in gioco; partecipo alle selezioni e supero un concorso di Borsa Lavoro indetta dal Servizio Passepartout del Comune di Torino. Conosco così l’associazione VolonWrite, dove trovo un ambiente giovane ed energico, mi appassiono così sempre più alla comunicazione sociale. Oggi si parla molto di inclusione sociale, di non discriminazione e di diversità…

Per me ogni individuo è diverso dall’altro perché è nella sua natura la sua splendida unicità, la disabilità è una “diversa” condizione di vita, penso però che ogni persona ha delle capacità che devono essere sviluppate e delle lacune che possono essere colmate!
M.J.P.

Che cos’è la diversità…? […]«E' grave voler essere tutti uguali, perché questo significa forzare la natura, significa andare contro le leggi di Dio che, in tutti i boschi e le foreste del mondo, non ha creato una sola foglia identica all'altra.» Paulo Coelho

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *