La Salute in Comune - 2011

Carta, colori e fantasia…per un mare di origami

 

Lasciar vagare liberamente la fantasia per realizzare, da semplici pezzi di carta, un ambiente marino popolato dalle più stravaganti e bizzarre forme di vita.

Creare una “Fantasia di mare”: questo è stato il tema del laboratorio di origami, evento che si è svolto nel pomeriggio di ieri [6 luglio, ndr] e  previsto nel calendario della Settimana della Salute a Torino.

Il laboratorio è stato organizzato dalla cooperativa La Testarda di Torino. Valentina Mattozzi (educatrice) e Arianna Nuocera (operatrice socio sanitaria) hanno allestito uno spazio all’interno dei Giardini Reali per ospitare chiunque fosse stato  interessato a cimentarsi con l’arte degli origami, non solo bambini, ma anche adulti.

Carta, colori, collage e fantasia per realizzare fondali marini e scatole magiche che hanno rallegrato il pomeriggio offrendo un momento di socializzazione e svago.

“E’ un’attività che può interessare sia adulti come bambini. Utilizzando del materiale grezzo, con un po’ di fantasia si possono creare molte cose”, ha spiegato la Mattozzi, “e si offre inoltre un momento di socializzazione tra bambini e tra bambini e adulti. Il laboratorio è  anche l’occasione per far conoscere la nostra cooperativa, comunità che accoglie persone con disabilità medio – gravi”.

Partendo dalla carta, ripiegandola in tanti modi differenti è stato così possibile “creare dal nulla” qualsiasi cosa: anche un angolo di mare nel cuore di una città accaldata dal sole di luglio.

Per informazioni sulla cooperativa La Testarda: pianezzaa@latestarda.it
Intervista a Valentina Mattozzi della Cooperativa “La Testarda” di Pianezza

D. Parlaci un po’ della Cooperativa, quando è nata e di cosa si occupa.

R. La Cooperativa “La testarda” nasce circa 30 anni fa e da allora si occupa della disabilità, offrendo i suoi servizi a Torino e a Nichelino. E’ una cooperativa che ha una comunità-alloggio in cui sono ospitati 24 ore su 24 ragazzi con disabilità medio-gravi. In totale offriamo una quindicina di servizi, tra cui anche dei centri diurni in cui i ragazzi possono andare durante il giorno e alla sera poi tornare nelle loro famiglie.

Come cooperativa siamo privati, ma riceviamo anche aiuti da parte del Comune di Torino.

 

D. Quali sono le attività che proponete?

R. Le attività che proponiamo sono sia interne che esterne. Qui ai Giardini Reali, in occasione dell’evento “La Salute in Comune”, in cui abbiamo organizzato un laboratorio di origami, ci siamo arrivati tramite ‘Ingenio’, ed infatti le nostre realizzazioni sono anche vendute all’interno di ‘Bottega Ingenio’.

Invece, per quel che riguarda le attività svolte all’interno della Cooperativa a Pianezza, ai nostri ragazzi proponiamo momenti di svago quali ad esempio il nuoto ed altre attività fisiche, oltre chè servizi interni come la Pet Therapy ed altri servizi invece offerti dal Comune. Alcuni ragazzi della cooperativa sono impegnati in attività all’interno della struttura in cui alloggiano, e fanno piccoli lavori “casalinghi” , come ad esempio apparecchiare la tavola.

 

D. Chi fa parte della Cooperativa?

R. All’interno della cooperativa lavorano educatori, operatori sociosanitari ed un medico psichiatra, oltre che alcuni volontari che ci aiutano nelle diverse attività e nei momenti di svago con i ragazzi, come accompagnarli al cinema o al pub.

 

D. Se qualcuno fosse interessato a collaborare con voi?

R. Chiunque volesse avere maggiori informazioni o fosse interessato ad aiutarci come volontario all’interno della Cooperativa può scriverci un’email all’indirizzo: pianezzaa@latestarda.it

 

Michela Vindrola

Post precedente

I giovani e la partecipazione nel nuovo scenario geopolitico del Mediterraneo

Prossimo post

Diritto all’assistenza sanitaria per i cittadini stranieri e modalità di accesso

The Author

redazione

redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *