Associazione Volonwrite

Comunicazione Sociale sulla Disabilità

Il tema della salute, inserito in un contesto multiculturale, è stato affrontato sotto una luce non sempre presa nella dovuta considerazione: quella dei cosiddetti rimedi tradizionali, particolarmente viva, invece, tra le comunità dei migranti.

  Un momento dedicato ad analizzare le difficoltà che i cittadini stranieri, soprattutto non regolari, riscontrano nell’accesso all’assistenza medica. Hanno partecipato all’incontro: Piergiorgio Maggiorotti del gruppo di coordinamento dei centri ISI, Margherita Busso infettivologa presso l’Amedeo di Savoia, Luisa Mondo specialista in Igiene e Medicina Preventiva, epidemiologia, Luca Fossarello, sociologo ed Estela Robledo, in qualità di moderatrice ed operatrice dello Sportello Prisma per la relazioni di aiuto.

  Lasciar vagare liberamente la fantasia per realizzare, da semplici pezzi di carta, un ambiente marino popolato dalle più stravaganti e bizzarre forme di vita. Creare una “Fantasia di mare”: questo è stato il tema del laboratorio di origami, evento che si è svolto nel pomeriggio di ieri [6 luglio, ndr] e  previsto nel calendario della Settimana della Salute a Torino.

  La terza edizione de “La salute in comune” si pone, tra i vari obbiettivi, anche quello di ampliare sempre di più il concetto di salute e di varcarne gli stretti confini dando spazio all’implemento e alla diffusione di una cultura internazionale che, pur attraversando scenari in costante mutamento, fatica ad attecchire.

  Le due autrici offrono un contributo al dibattito sul tema della disabilità gravissima a partire dalla descrizione e  dall’analisi della qualità della vita di coloro che assistono un proprio caro non autosufficiente. La ricerca AcanTo, svoltasi fra il  2009 e il 2010 e descritta nel volume, è l’occasione per riflettere sui bisogni e le necessità di chi si prende cura, il caregiver.

  Apertura con Elide Tisi – Assessore alle Politiche Sociali, Carlo Mastrogiacomo – referente Polo della Salute, Vincenzo Langella – presidente Associazione Volonwriteyou, Simone Schinocca – presidente Associazione Tedacà.