News

C’era una volta…un progetto di cartoni animati accessibili

Il progetto di una casa editrice che attraverso LIS e grafica adattata vuole portare in video i suoi libri per bambini con disabilità sensoriali. In questa direzione si muove il progetto della casa editricePuntidivista, che si propone di trasformare le sue favole accessibili, che già pubblica in forma cartacea, in cartoni animati per tutti. Alla base di “Cartoon-Able”  (questo il nome del progetto),  ci sarà infatti un format che aiuterà i piccoli con disabilità sensoriali a seguire la storia, così da poter guardare il cartone insieme ad altri bambini.

In questa direzione si muove il progetto della casa editrice Puntidivista, che si propone di trasformare le sue favole accessibili, che già pubblica in forma cartacea, in cartoni animati per tutti. Alla base di “Cartoon-Able” (questo il nome del progetto), ci sarà infatti un format che aiuterà i piccoli con disabilità sensoriali a seguire la storia, così da poter guardare il cartone insieme ad altri bambini. I dialoghi saranno guidati da una voce narrante che descrive tutti i movimenti dei protagonisti, e in basso sullo schermo scorreranno i sottotitoli. Per rendere accessibile la storia, per i bambini sordi sarà invece possibile seguire la scenetta grazie alla LIS (Lingua italiana dei segni) segnata nelle nuvolette durante lo svolgimento della storia. Per facilitarne anche la comprensione a bambini autistici, verrà utilizzato il metodo di CAA (comunicazione aumentativa alternativa) che prevede l’associazione di un’immagine ad ogni parola.

Il progetto “Cartoon-Able” , che racconta la storia di due fratelli, Caramella e Lampadino alle prese con avventure magiche insieme al cane Zampacorta nel MagiRegno, nasce appunto dal desiderio di trasporre i racconti di libri cartacei accessibili, prodotti dalla casa editrice, in una versione animata. La casa editrice infatti già stampa libri in versioni speciali per bimbi ciechi con scritte in nero braille e a caratteri ingranditi per ipovedenti. Tuttavia questi libri sono consigliati non solo ai bambini con disabilità sensoriali ma anche a tutti coloro che hanno difficoltà di apprendimento: data la semplicità e la chiarezza delle favole, PUNTI DI VISTA suggerisce che questi supporti possano essere utili anche per i bambini che stanno iniziando ad approcciarsi alla lingua italiana. L’approccio culturale sul quale si basano i prodotti editoriali finora realizzati, fanno sapere dalla casa editrice, è quello di rendere i bambini con bisogni speciali finalmente protagonisti e attori delle storie.

Data: 21/12/2015

Fonte: Disabili.com

Post precedente

“Radio Tutti”, un progetto pilota

Prossimo post

L’importanza della musica per le persone con disabilità visiva

The Author

redazione

redazione