News

“Che forza ragazzi” quando la disabilità diventa un blog

E’ l’idea nata da Daniela Serra e Ettore Bertinetti amici e disabili che mettono a disposizione di altri malati esperienze e consigli

Condividere esperienze, consigli e approfondire diagnosi mediche e curiosità. E’ questo lo scopo di “Che forza ragazzi” il blog ideato da due trentenni biellesi che stanno facendo del loro percorso di vita, qualcosa di veramente speciale. Si chiamano Daniela Serra ed Ettore Bertinetti e da lunedì, lavorano al loro blog che mira a diventare un punto di riferimento per i disabili che, come loro, hanno voglia di conoscersi e raccontarsi.

“Quando mi è stata diagnosticata la sclerosi multipla è stato un trauma” racconta Daniela che ha 36 anni ed è mamma di due bambini. “Conoscevo questa malattia molto superficialmente e per me, la sclerosi era un modo di raccogliere fondi due volte all’anno”. Il percorso di Daniela non è stato facile ma lei, come Ettore, non ha perso la voglia di vivere e di stare in mezzo agli altri senza fare della sua malattia un tabù ma anzi, sfruttarla per conoscere altre persone che come loro, ne soffrono. “Il blog è on-line da lunedì e speriamo di poter avere molti contatti. L’idea è nata adalla necessità di conoscersi ma anche di essere un sostegno per tutti i disabili. Molte volte, siamo poco informati su tantissimi argomenti che ci riguardano e volevamo essere d’aiuto oltre che fornire un sostegno e un punto d’ascolto per chi magari, attraversa un periodo difficile”.

Sul blog oltre alle esperienze personali degli autori, si possono trovare articoli e approfondimenti di carattere medico e informativo. “Reperiamo informazioni da internet e riviste specializzate ma anche attraverso pareri di medici ed esperti con cui collaboriamo”. Questo fine settimana Daniela sarà impegnata nella vendita delle gardenie promossa da Aism a livello nazionale. “Saremo a Roppolo e a Viverone per raccogliere fondi da destinare alla ricerca scientifica”. Per conoscere Daniela e visitare il suo blog : http://cheforzaragazzi.altervista.org.

Fonte: newsbiella.it

 

Post precedente

Bambini e ragazzi: disegnate la disabilità!

Prossimo post

Studiando... Giocando!

The Author

redazione

redazione