Associazione Volonwrite

Comunicazione Sociale sulla Disabilità

Da piccola ho sognato di fare, in ordine: l’archeologa, la barista, il medico sportivo, l’oceanografa, la giornalista, la traduttrice simultanea e infine la sessuologa.

Ora vorrei solo andare in pensione.

E mancando ancora tanti anni, passo il tempo a occuparmi di psicologia, di autismo, di femminismi, di libri noiosi, e circondandomi il più possibile di gente che vuole cambiare le cose.

Mi piace il giallo, avere dubbi, e fare battute che capisco solo io.