Associazione Volonwrite

Comunicazione Sociale sulla Disabilità

Ci sono persone che da subito nascono con la vocazione per il mondo del sociale: sognano di diventare educatori, assistenti sociali, insegnanti.

E poi ci sono persone che nel colorato panorama del sociale ci “inciampano” per caso, come è successo a me. A differenza di tanti miei colleghi dell’associazione io provengo da un mondo completamente differente, con studi in comunicazione e marketing e con un contratto di lavoro come addetta ufficio presso un supermercato alimentare: ero abituata a confrontarmi con numeri e dati, più che con le persone.

Ma a volte, per fortuna, la vita ti riserva percorsi di crescita personale e professionale imprevedibili, che cambiano completamente il tuo modo di pensare e la prospettiva con cui ti rapporti a ciò che ti circonda.

Da quando, due anni fa, ho risposto a quell’annuncio di stage in comunicazione sociale presso l’Associazione Volonwrite, la mia vita è cambiata.
Ad oggi mi chiedo come sarebbero stati i miei giorni senza questa realtà: sicuramente più grigi, più “soli” e più superficiali…

A Volonwrite devo tantissimo: per me si tratta di una seconda famiglia, più che di un’associazione…e si sa, la famiglia non si abbandona mai!