News

Come non stressare un cliente autistico al ristorante

Per una persona con autismo l’attesa al ristorante può essere un’importante fonte di stress e turbamento. Che, complice l’ambiente ricco di odori intensi e rumori forti, può arrivare a provocare delle vere e proprie crisi. Questo soprattutto in vacanza quando si ritrovano in posti sconosciuti lontani dall’abituale e rassicurante corso della quotidianità. Ma ci sono degli accorgimenti che i ristoratori e gli albergatori possono adottare per rendere meno problematico il momento a tavola di chi soffre di questo disturbo. In particolare le socie fondatrici del centro di ricerca e apprendimento Be&Able di Roma, come riportato daBed&Care, danno almeno tre semplici, ma fondamentali, consigli da seguire:
1. Ridurre il più possibile il tempo di attesa. Magari consentendo alla famiglia di ordinare la cena con largo anticipo e concordando l’orario in cui dovrà essere pronto il pasto;
2. Mostrare, al momento dell’ordinazione, una foto delle pietanze, il più possibile realistica, attraverso la quale la persona possa analizzare il colore dei cibi o la quantità e la dimensione dei vari elementi che compongono il piatto;
3. Collocare il tavolo in un punto tranquillo della sala, ma non appartato, evitando di posizionare la persona autistica vicino a tavolate rumorose o alla cucina dove la confusione e gli odori potrebbero essere più intensi e fastidiosi.

Fonte: west-info.eu

(s.c./mjp)

Post precedente

Venezia accessibile, un giro in gondola senza barriere – VIDEO

Prossimo post

Wikipedia in voce per i non vedenti

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?