NewsSport&Disabilità

Congratulazioni a tutti!

Quello che ci siamo appena lasciati alle spalle, in terra piemontese, è stato un intensissimo weekend di sport paralimpico. Tra una gioia e due piccole delusioni, non possiamo che congratularci con tutte le ragazze e i ragazzi che hanno dato il massimo nelle rispettive competizioni.

Partiamo dalla gioia. Una gioia arrivata da una partecipazione più che da un risultato sportivo: parliamo, ovviamente, dell’equipaggio Open Mind della Società Canottieri Armida alla regata internazionale Head of the River Amstel di sabato 19. Al di là del 30° posto finale nella categoria 8 senior (peraltro lusinghiero), Matteo Bianchi, Alessandro Rossi, Giovanni Rastrelli, Umberto Giacone, Matteo Bongiovanni, Lorenzo Sforza, Manuel Vaccaro e Andrea Appendino sono riusciti a conquistare il pubblico olandese, che li ha incitati fino all’ultimo metro degli otto chilometri di tracciato. Le nostre congratulazioni vanno anche a tutta l’organizzazione, all’Armida e in modo particolare al tecnico Cristina Ansaldi che, più di tutti, sta credendo nel lavoro di questa squadra.

Grazie lo stesso! Non possiamo che dire questo ai Tori Seduti, sconfitti nella finale Scudetto del Campionato Italiano di ice sledge hockey contro le fortissime South Tyrol Eagles, le Aquile del Sud Tirolo. I ragazzi di coach Mirko Bianchi, bravi e tenaci a tenere in vita le speranze fino a gara 3, hanno perso la “bella” di sabato con un sonoro 10-1, lasciando la gioia del terzo Scudetto (ottavo in totale) consecutivo agli avversari. Dopo la rete ospite di Rosa era subito arrivato l’illusorio pareggio di Valerio Corvino; a senso unico i restanti minuti, con i gol di Planker (tripletta), Depaoli (doppietta), Winkler, Larch, Remotti e ancora Rosa. Adesso, i nazionali Azzurri potranno concentrarsi sulla preparazione agli imminenti Campionati Europei, in programma in Svezia dall’1 al 12 aprile.

Chiudiamo con i risultati del torneo Alpi del Mare – trofeo Città di Cuneo di tennis in carrozzina: trionfo per la testa di serie numero 1, lo spagnolo Daniel Caverzaschi in finale contro il nostro Fabian Mazzei nel singolare maschile; nel torneo femminile, vittoria per la fortissima tedesca Katharina Kruger sulla britannica Louise Hunt.

Post precedente

Google contro il virus Zika

Prossimo post

Anche investire sui disabili è responsabilità sociale d’impresa

The Author

Marco Berton

Marco Berton