Chi siamo

Cristina

Chi sei? Cosa fai nella vita? Interessi?

Proviamo

Mariacristina, per tutti o quasi Cri.

Sono la “signora in sedia a rotelle”, così mi descrivono i ragazzi delle scuole medie quando vado a parlar loro di disabilità.

Forse la mia storia lavorativa era già scritta.

Sono disabile dalla nascita e fino alla fine dell’università raramente mi è capitato di incontrare persone con problemi come i miei, a parte contesti di cura o ospedalieri, ma quella è un’altra storia.

Ho fatto una tesi sulle associazioni di Torino che si occupano di disabilità motoria e da allora è cominciato tutto. Ho capito che non ero sola, che c’erano altre persone con cui condividere esperienze, emozioni ed informazioni.

Da quando ho iniziato a lavorare per e con persone disabili sono già passati 14 anni.

Cosa faccio nella mia vita lavorativa? Di tutto un po’: la segretaria, la tutor, la volontaria, la redattrice, la sportellista.

Chi mi conosce da quando lavoro dice che sono “la memoria storica” della redazione.

In effetti dimentico poche cose, così come non ho mai dimenticato il giorno in cui è nato il progetto Volonwrite ora associazione di Volontariato. L’idea, il “pretesto” di partenza era stato una guida tascabile di Torino, la “Movida Accessibile” con 250 locali ’’monitorati’’ di cui 50 promossi.

Volonwrite dal 2007 ad oggi  ha raggiunto la sua piena maturità, è diventata creativa e dinamica. Ed io mi sento fortunata a far parte di questo gruppo di lavoro, anche se sono senza dubbio, l’anagrafe parla me, la “vecchietta” dell’associazione.

Post precedente

Ario

Prossimo post

Intervista a Giuseppe Conigliaro

The Author

Mariacristina Acciarri

Mariacristina Acciarri

Chi sei? Cosa fai nella vita? Interessi?

Proviamo

Mariacristina, per tutti o quasi Cri.

Sono la “signora in sedia a rotelle”, così mi descrivono i ragazzi delle scuole medie quando vado a parlar loro di disabilità.

Forse la mia storia lavorativa era già scritta.

Sono disabile dalla nascita e fino alla fine dell’università raramente mi è capitato di incontrare persone con problemi come i miei, a parte contesti di cura o ospedalieri, ma quella è un’altra storia.

Ho fatto una tesi sulle associazioni di Torino che si occupano di disabilità motoria e da allora è cominciato tutto. Ho capito che non ero sola, che c’erano altre persone con cui condividere esperienze, emozioni ed informazioni.

Da quando ho iniziato a lavorare per e con persone disabili sono già passati 14 anni.

Cosa faccio nella mia vita lavorativa? Di tutto un po’: la segretaria, la tutor, la volontaria, la redattrice, la sportellista.

Chi mi conosce da quando lavoro dice che sono “la memoria storica” della redazione.

In effetti dimentico poche cose, così come non ho mai dimenticato il giorno in cui è nato il progetto Volonwrite ora associazione di Volontariato. L’idea, il “pretesto” di partenza era stato una guida tascabile di Torino, la “Movida Accessibile” con 250 locali ’’monitorati’’ di cui 50 promossi.

Volonwrite dal 2007 ad oggi  ha raggiunto la sua piena maturità, è diventata creativa e dinamica. Ed io mi sento fortunata a far parte di questo gruppo di lavoro, anche se sono senza dubbio, l’anagrafe parla me, la “vecchietta” dell’associazione.