News

Dal teatro ai parchi giochi: il tempo libero dei disabili in 5 infografiche

Se i parchi giochi accessibili (234 in Italia) sono certamente un grande divertimento per i bimbi disabili, il tempo libero degli adulti trascorre tra tv, libri, cinema e sport. Ecco i numeri che raccontano le passioni di grandi e piccini.

Tunnel giganti con accesso possibile anche in carrozzina, rampe al posto delle scale per salire su castelli, navi e torri e altalene per sedie a ruote: i parchi giochi accessibili (234 in Italia) sono un grande divertimento per i bimbi disabili. Mentre il tempo libero degli adulti trascorre tra tv, libri, teatro e sport. In 5 infografiche, realizzate da Agenda per il magazine SuperAbile Inail , ecco i numeri che raccontano le passioni di grandi e piccini.

TEMPO LIBERO. I programmi televisivi sono l’hobby più diffuso delle persone con disabilità, mentre andare al cinema è particolarmente apprezzato tra i 4-44enni: così trascorrono il tempo libero le persone disabili. La quasi totalità ama guardare la televisione (percentuale che sale con l’aumentare dell’età) mentre uno su tre preferisce un buon libro (circa un milione). Il 9,4% va a teatro (293 mila) o al cinema e tra 14 e 44 anni le presenze in sala raggiungono il 21,6%.

PARCHI GIOCHI. Tunnel giganti con accesso possibile anche in carrozzine e rampe al posto delle scale per salire su castelli, navi e torri, altalene per sedie a ruote. Sono alcuni dei giochi presenti nei 234 parchi accessibili italiani. Aree ludiche in cui tutti i bambini (disabili e non) possono giocare insieme, senza barriere architettoniche e dotati di giochi fruibili per tutti: quelli che possono correre, quelli in carrozzina, quelli ipovedenti e con disabilità motoria lieve. Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Lazio e Puglia le regioni che hanno più parchi inclusivi.

LO SPORT. Per molte persone disabili praticare sport è ancora un miraggio, pensano la mancanza di strutture adeguate e difficoltà d’investimento. Tuttavia sono circa 60 mila quelle che svolgono attività sportiva, oltre 10.700 in maniera agonista, attraverso le società sportive federare al Cip (1.774). Nuoto (al primo posto con 787 atleti), pallacanestro in carrozzina, handbike e ciclismo su strada, sci e tiro con l’arco le discipline più praticate. Gli atleti per il 60 per cento risiedono al Nord Italia, solo un 10 per cento nelle sud e nelle isole. Dal punto di vista agonistico uno dei massimi impegni sportivi è quello delle Paralimpiadi: quest’anno a Rio (7-18 settembre) sono attessi 4 mila atleti da 175 nazioni.

VITA ASSOCIATIVA. Sono 232 mila i disabili che frequentano un’associazione culturale e 259 mila hanno fatto attività di volontariato: entrambe le attività sono più diffuse fra gli uomini che fra le donne. Inoltre 440 mila disabili hanno sostenuto un’organizzazione e i suoi scopi associativi con una donazione: il 13,9% contro il 12,6% delle persone non disabili.

I TRASPORTI. Stazioni e trasporti accessibili e un adeguato accompagnamento per i viaggiatori con disabilità sono essenziali. In 140 mila con disabilità motoria hanno viaggiato su treni di lunga percorrenza in Italia (dati 2014): 3 corse su 5 sono accessibili a persone in crrozzina e sono 14 le “Sale blu”, punto di riferimento per disabili motori e sensoriale che devono partire. 270 stazioni ferroviarie, infine, sono gestite per fornire assistenza 24 ore su 24.

Fonte: Redattoresociale.it

Data: 08/08/2016

Post precedente

Progetto Eschatià, fra musica di tradizione e diversità

Prossimo post

Paralimpiadi 2016? Gli atleti russi sono fuori dai giochi

The Author

redazione

redazione