News

Disabili, anziani, studenti: a Mirafiori Nord una “nuova” comunicazione creativa e digitale


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.volonwrite.org/home/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.volonwrite.org/home/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

La neonata associazione Lateralmente organizza in via Rubino attività sociali per le fasce più deboli. Pronto il monitoraggio della Circoscrizione 2 nei prossimi mesi

La comunicazione, con le sue tante sfaccettature, diventa il fulcro di un nuovo progetto inclusivo in periferia. “Nuovo” perché a gestirlo è un’associazione appena formata, Lateralmente, e mai apparsa prima d’ora sul territorio della Circoscrizione 2. E “nuovo” dovrebbe anche esserlo nei contenuti, dal momento che sono già attive in altri ambiti diverse iniziative di assistenza ai cosiddetti soggetti svantaggiati, che, in questo caso, verranno conglobati in un’unica struttura: disabili, anziani e studenti dalle elementati alle superiori con disturbi dell’apprendimento.

L’obiettivo delle attività proposte è di sviluppare in queste fasce di popolazione una maggiore consapevolzza delle proprie capacità orali, scritte e manuali. Partendo dalla disponibilità a un dialogo costruttivo e dall’interesse per lo scambio con altri, si vuole tentare la crescita degli individui sulla base di intrinseche capacità comunicative. Nascoste, per lo più, e quindi da tirare fuori, portandole alla luce perché interagiscano le une con le altre.

Un intento di certo ambizioso, tanto da richiedere alla Circoscrizione 2 la concessione di spazi in via Rubino 67 da lunedì a sabato, dalle 10 alle 19.30. Una decisione ancora da porre al vaglio della giunta, e che potrebbe subire un ridimensionamento sulla base di un’analisi effettiva della distribuzione delle attività e dell’utenza nel corso della giornata.

Per le educatrici dell’associazione il progetto è ancora tutto in divenire. Non avendo nessun precedente, è difficile fare previsioni sull’andamento del lavoro. Per questo si richiede alla giunta circoscrizionale un monitoraggio costante delle attività nel periodo iniziale.

Saranno quattro i laboratori tenuti. “Letteralmente” è dedicato a disabili e anziani, e prevede l’apprendimento di tecniche di scrittura creativa e lettura animata per intrattenere i più piccoli con storie personalizzate. “Abilmente” e “Agevolmente” riguardano delle attività creative basate sulla conoscenza e comprensione di certi valori di uguaglianza e democrazia, mentre Interattivamente porta l’attenzione sull’utilizzo delle Tic (Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione) in modo riflessivo e responsabile. “Mentalmente” è poi focalizzato sullo studio assistito per elementari, medie e superiori; infine, “Artisticamente” mira a sviluppare nei partecipanti un certo senso critico e gusto estetico per le opere d’arte, nonché la capacità di esprimere se stessi in modo, appunto, artistico.

“È positivo che nella Due si inserisca un’esperienza completamente nuova”, ha commentato il coordinatore alle politiche sociali Vincenzo Camarda. “Non esisteva niente di così articolato prima. È un ulteriore passo verso la creazione di un vademecum, per il 2018, di tutte le realtà territoriali che si occupano di fasce a rischio”.

Fonte: torinoggi.it

(s.c./l.v.)

Post precedente

Politiche Europee e disabilità venerdì a Torino

Prossimo post

A volte ci ricascano: quando la disabilità diventa insulto

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?