News

Disabilità: Parco degli Angeli in prima linea

LADISPOLI – L’avevano detto e l’hanno fatto. I ragazzi di “Nuove Frontiere – Il Parco degli Angeli Onlus” che con problemi di disabilità a novembre del 2015 avevano lanciato con entusiasmo la proposta di costituire la “Mappa delle Barriere e Registro delle Segnalazioni” fatte cioè da coloro che vivono un disagio negli spostamenti ed accessibilità all’interno del territorio, hanno segnato un punto a loro favore: un pronto ed efficace intervento di adeguamento del tratto di via Settevene Palo, a due fermate di autobus. .
A raccontare orgogliosamente come si sono svolte le cose lo stesso presidente dell’Associazione, Filippo Bellantone. “Siamo partiti da lontano per arrivare al punto di partenza. Nei giorni scorsi avevamo segnalato al comune di Ladispoli l’odissea che Simone, uno dei ragazzi disabili carrozzati del Parco degli Angeli impegnato nell’iniziativa “Muoviamoci Insieme Muoviamoci Sempre” (segnalazione delle barriere architettoniche), quotidianamente viveva per poter raggiungere con i mezzi pubblici il centro di Ladispoli spostandosi dal quartiere Miami dove abita.
Con soddisfazione possiamo dire viveva poiché l’amministrazione comunale, ed in particolare gli assessori alle Politiche Sociali, Lavori Pubblici e Bilancio, Roberto Ussia Spinaci, Marco Pierini e Eugenio Trani hanno tenuto fede all’impegno preso nell’aderire all’iniziativa.
AGrazie a tale intervento dette fermate, sono ora fruibili da tutte le persone che vivono una condizione di limitata mobilità ma non necessariamente solo disabili: anche da mamme con la carrozzina o anziani con i carrelli porta spesa.
D’altronde già in occasione della presentazione del progetto di questo gruppo di giovani disabili il presidente Bellantone aveva ribadito: “Il nostro motto è e sempre sarà: Muoviamoci Insieme, Muoviamoci Sempre! Per far aprire gli occhi a chi vive nello stesso territorio, ma ancora ignora l’esistenza di tali ostacoli e barriere.

Fonte: civonline.it

(s.c./mjp)

Post precedente

A Ivrea scoppia il caso del disabile "discriminato": genitori Vs maestra con un esposto

Prossimo post

Luca Pancalli a Torino oggi e domani

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?