News

Dislessia, ecco la App che individua i casi a rischio e li corregge

Un portale e un’applicazione dedicata riconoscono chi è affetto da questo disturbo e realizzano un primo percorso di recupero on line per chi ha difficoltà di lettura

10:39 – Nei prossimi 18 mesi in arrivo un progetto formato da tre iniziative che affrontano il tema della dislessia in modo sistematico, sviluppate da Fondazione Telecom Italia in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità, l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e l’Associazione Italiana Dislessia (AID), portatori di competenze specifiche nei rispettivi ambiti di attività.

Dislessia, ecco la App che individua i casi a rischio e li corregge

Attraverso un portale e un’apposita App, realizzata dall’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con l’Istituto di Scienze Applicate & Sistemi Intelligenti del CNR, le famiglie potranno effettuare uno screening ultra-precoce dei disturbi della comunicazione e sarà possibile, attraverso l’acquisizione di dati puntuali, individuare i casi a rischio.

Per i bambini in età scolare, ragazzi e adulti sarà possibile, sempre accedendo alla stessa piattaforma, effettuare una valutazione a distanza elaborata dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, un eventuale percorso di recupero on line per le difficoltà di lettura e una sessione finale con verifica dell’apprendimento.

In continuità con gli interventi già effettuati, in collaborazione con AID, saranno realizzate poi apposite sessioni di e-learning per i docenti e il personale scolastico, basate su un protocollo “standard” elaborato insieme al MIUR, che vedrà coinvolti il 30% circa degli Istituti scolastici.

Il progetto contribuirà a creare un unico osservatorio in Italia dei dati sulla diagnosi, sulle scuole “amiche” della Dislessia, sull’utilizzo dei libri digitali e degli strumenti compensativi e sui trattamenti efficaci.

Fonte: tgcom24.mediaset.it

(s.c./s.f.)

Post precedente

L' uomo e la tortura

Prossimo post

Mi vedono con le stampelle e non mi considerano disabile

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?