News

Distrofia muscolare di Duchenne e la logica del gregge


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.volonwrite.org/home/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.volonwrite.org/home/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

“Ci son due coccodrilli e un orango tango, due piccoli serpenti e un’aquila reale, il gatto, il topo e l’elefante: non manca più nessuno; solo non si vedono i due liocorni”. E i disabili?

Lo so, qualcuno di voi si starà chiedendo cosa c’entrano con gli animali. Di sicuro lo troverete un paragone azzardato, ma a suggerirmelo è stata la mia esperienza maturata come sofferente francesino (l’intestatario della distrofia di Duchenne). Inoltre, quest’idea è suffragata dai miei studi basati sull’osservazione empirica alla Darwin, che mi hanno permesso di coniare il termine scientifico “esemplare di disabile” e di avvicinare l’esemplare che rappresento a diversi animali: la pecora, il cane, il bradipo e il koala.

Il mio primo articolo di carattere scientifico comincerà proprio dai più grandi esportatori di lana al mondo, e risponderà a questa domanda: che cos’hanno in comune con i distrofici? Semplice: entrambi si muovono seguendo le logiche del gregge. Sarà sicuramente capitato a voi normodotati di incontrare nei posti di villeggiatura un “gregge” di esemplari di disabile: mentre eravate a bocca aperta intenti a osservarli attraverso le lenti di un binocolo, il sottoscritto si è infiltrato per studiarli dall’interno.

Agli inizi del secolo, infatti, mi sono prodigato nell’osservazione dei miei “colleghi”: l’esperimento consisteva nell’attirare, con l’inganno, l’attenzione del resto del gregge, mentre era disposto “ad cazzum” (modalità nella quale si scorgono esemplari in ogni dove). Obiettivo: osservare se i francesini instaurano comportamenti simili alle pecore (oltre alla già dimostrata indole comune). È bastato richiamarli con una semplice frase, che riveste il ruolo del cane nel gregge: «Ragazzi accorrete ad ammirare quella graziosa fanciulla traboccante di beltà». Ecco l’esca e tutti – bee bee, anzi zzz zzz, il rumore delle “sedie elettriche” – si compattarono, puntando in direzione dell’obiettivo e seminando tra gli astanti bipedi il terrore: “Ci vogliono caricare”, quindi si allontanavano precipitosamente. Per non parlare dell’indifesa donzella, che fuggendo in preda al panico gridava: “No, i disabili no”.

Dalla vittima sacrificale, passiamo al malcapitato bipede attivo. Prima, però, è necessario trattare del migliore amico dell’uomo, al quale il distrofico è affine nel momento in cui esce di casa con il padrone – ops, con il bipede attivo – a bordo della sua “sedia elettrica”. I miei studi etologici hanno dimostrano che il sofferente in compagnia del bipede tende a “camminare” al suo fianco, mantenendo la medesima velocità. Diversamente, quando si sente capo branco tenderà ad allungare la ruotata; al contrario, quando a sentirsi capo branco è il bipede, allora sarà quest’ultimo ad allungare il passo.

Le tre diverse possibilità, tuttavia, consentono al francesino di lanciarsi in divertenti gag. Partiamo da quella in cui è capo branco. In questo caso basterebbe chiedere al malcapitato bipede di prendere qualcosa dallo zaino, posto dietro la carrozzina: nel momento in cui il bipede lo sta per aprire, il disabile parte con il suo mezzo per poi fermarsi, al che il malcapitato si avvicinerà e il disabile ripartirà, e così via… controindicazione: il bipede si vendicherà dell’azione subita.

Più divertente quando il transalpino procede al fianco del bipede: in questo frangente è necessario un marciapiede poco accessibile (“fortunatamente” non è così difficile) e un furgone parcheggiato a lato del marciapiede. Per riuscire nell’impresa, il francesino deve prima convincere il bipede a rimanere sul marciapiede, mentre lui da coraggioso eroe viaggerà sulla strada. Ovviamente manterrà la velocità del malcapitato finché non si troverà all’altezza del suddetto furgone, allora si fermerà: nel frattempo il bipede procederà aspettandosi di veder ricomparire il disabile, ma del sofferente nessuna traccia. Allora un velo di terrore si farà spazio sul suo viso: «Non mi sarà mica precipitato il disabile nel tombino?».

La più spassosa, infine, si verifica quando è il normodotato a sentirsi “capo” branco: in questa situazione è consigliato che il malcapitato sia in bicicletta, mentre conversa con l’esemplare in questione. Quest’ultimo con una scusa deve farsi precedere e alla prima occasione favorevole nascondersi dietro al furgone. Il normodotato procederà parlando inconsapevolmente da solo, finché non si accorgerà che il disabile alle proprie spalle è svanito. Terrorizzato, realizzerà: “Come ho fatto a smarrire un disabile? Sono proprio un animale”.

Fonte: ilfattoquotidiano.it

(s.c./s.f.)

Post precedente

Penelope Cruz nei panni di una donna malata, manda messaggi per la prevenzione

Prossimo post

Vengo anche io! Si, tu si!

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?