News

Dopo di noi, ecco il riparto dei 90 milioni

Approvato questa mattina dalla Conferenza delle Regioni, nel pomeriggio ci sarà l’intesa in Conferenza Unificata. I 90 milioni per il 2016 sono quindi utilizzabili, anche se per l’attuazione piena della legge mancano ancora altri passaggi.

Novanta milioni di euro per il 2016: a tanto ammontava il finanziamento del fondo per il “dopo di noi” creato con la legge 112/2016, entrata in vigore lo scorso 25 giugno. Questa mattina la Conferenza delle Regioni ha dato il via libera al decreto di riparto del fondo, preludio all’intesa che ora le Regioni si apprestano a dare in Conferenza Unificata. «È uno strumento fondamentale per sostenere progetti individuali per le persone con disabilità gravi, definendo gli specifici sostegni necessari, a partire dalle prestazioni sanitarie e sociali nell’ambito di progetti che saranno definiti con la più ampia partecipazione possibile del disabile», ha commentato il presidente Stefano Bonaccini. «È un passo importante, che rende più sostenibili gli interventi di welfare già attivati nelle diverse Regioni».

Nel pomeriggio alle 14 la Conferenza Unificata, ha sancito l’intesa sullo schema di decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro della salute e il Ministro dell’economia e delle finanze, che ha due obiettivi: «individua i requisiti per l’accesso alle misure di assistenza, cura e protezione a carico del fondo per l’assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare» e la «ripartizione alle Regioni delle risorse per l’anno 2016 ai sensi dell’articolo 3, comma 2 , della legge n. 112/2016».

Il riparto è stato già reso noto dalle Regioni, mentre nulla ancora si sa sui requisiti per l’accesso alle misure previste dal fondo. La Lombardia avrà 15.030.000 euro, seguono Campania e Lazio con ciascuna 9.090.000 euro, la Sicilia con 7.740.000 euro (qui l’elenco completo, regione per regione).

Continua a leggere su Vita.it

Data: 10/11/2016

Post precedente

Un oggetto che può cambiare la vita

Prossimo post

La Tecnologia che non ti aspetti

The Author

redazione

redazione