News

È la professionalità non le quote a dare lavoro ai disabili

Più che le quote, servono elevati livelli di istruzione e formazione per includere i disabili nel mercato del lavoro. La conferma arriva dalla Spagna. Dove, secondo un recente studio, tra le persone con disabilità diplomate, laureate o altamente specializzate il tasso di disoccupazione (20,3%) è addirittura inferiore alla media nazionale (22,7%). Al contrario, i portatori di handicap scarsamente istruiti sono tagliati fuori: il 75% non ha un’occupazione. È di tutta evidenza dunque che scuola e università possono rappresentare il vero volano per l’inclusione lavorativa di questa speciale categoria di cittadini. Per questo, ammoniscono gli esperti iberici, bisogna abbattere in primis il tasso di abbandono scolastico che tra i giovani disabili sfiora il 43%.

Fonte: west-info.eu

(s.c./mjp)

Post precedente

Fà la cosa giusta 2016: BikeByBus, il ciclonoleggio sociale

Prossimo post

Progettazione universale – Seminari formativi gratuiti a Torino dal 13 maggio al 7 luglio

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?