NewsSport&Disabilità

Gli atleti convocati dalla FISPES per i Mondiali di atletica leggera di Londra

Tante speranze azzurre agli imminenti Campionati Mondiali di atletica leggera, in programma a Londra da domani a domenica 23 luglio. La FISPES (Federazione Italiana Sport Paralimpici e Speciali), in una conferenza stampa andata in scena a Roma la scorsa settimana, ha ufficializzato le convocate ed i convocati per la spedizione.

La Nazionale sarà composta, in totale, da 12 atleti. Le due punte di diamante saranno, a conferma dell’andamento degli ultimi anni, due donne: Assunta Legnante (Anthropos Civitanova) e Martina Caironi (Fiamme Gialle), entrambe medaglie d’oro paralimpiche rispettivamente a Londra 2012 e Rio 2016. La prima sarà impegnata nel getto del peso F11 dopo gli ottimi risultati ottenuti ai Campionati Italiani, con un promettente 17.15; la seconda, Campionessa Paralimpica, Mondiale e primatista assoluta nei 100 metri T42, dopo aver avvicinato il proprio record al Golden Gala di Roma si presenterà da favorita assoluta anche nel salto in lungo T42.

A seguire, tante altre stelle: partendo da Monica Contrafatto (Paralimpico Difesa e medaglia di bronzo a Rio nei 100 metri T42) fino ad Alvise De Vidi (Fiamme Azzurre, impegnato nei 100 e 400 T51 in carrozzina), il veterano dei veterani, atleta più decorato di tutta la storia paralimpica azzurra. Dietro di loro l’altro esperto Roberto La Barbera (Pegaso Asti, oro ad Atene 2004 nel salto in lungo T44), Federica Maspero (Omero Runners Bergamo, 400 metri T43), Arjola Dedaj (Fiamme Azzurre, salto in lungo T11) ed Emanuele Di Marino (200 e 400 T44).

Tra i debuttanti assoluti a livello internazionale, segnaliamo la presenza di Andrea Lanfri (Atletica Virtus Cassa di Risparmio di Lucca) nei 100 e 200 T43, di Simone Manigrasso (H2 Dynamic Handysports Lombardia) nei 200 e 400 T44 e Giuseppe Campoccio (Paralimpico Difesa) nel peso e disco F33. La Barbera, Lanfri, Manigrasso e Di Marino faranno parte, insieme alla giovanissima promessa Riccardo Bagaini (Sempione 82), degli staffettisti che si contenderanno la 4×100 T42-47, specialità in cui l’Italia ha conquistato la medaglia di bronzo ai Campionati Europei di Grosseto del 2016.

Post precedente

Dove andare in viaggio o al ristorante con un figlio autistico? Te lo dice una app

Prossimo post

Riparte il viaggio dello “Spirito di Stella” e della Convenzione ONU

The Author

Marco Berton

Marco Berton