News

Hen Ryu Shatsu: il cambiamento attraverso lo Shiatsu


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.volonwrite.org/home/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.volonwrite.org/home/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

1Domenica 30 giugno – L’organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), nella propria Costituzione, definisce così la salute:

“Salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale, sociale, non semplicemente l’assenza di malattia o infermità”.

La Scuola Hen Ryu Shiatsu, rappresentata dalla bellissima Maria,  nasce con l’intento di promuovere e diffondere questa antica arte giapponese, affinchè sempre più persone possano approcciarsi in modo corretto e adeguato: e lo fa in modo originalissimo, promuovendo progetti sperimentali che vanno dai luoghi di lavoro a progetti rivolti a persone disabili, anziani, bambini e adolescenti.

La Scuola Hen Ryu Shiatsu è riconosciuta dall’Associazione delle Scuole Shiatsu Italiane (ASSI) e dal Collegio Operatori Shiatsu e garantisce tutti i parametri della vigente normativa nell’ambito delle Discipline Bio Naturali.

Ma chi meglio della preparatissima Maria può illuminarci al meglio su questa disciplina orientale?

 

Maria, esattamente cosa è lo shiatsu?

Si tratta di un’arte antichissima, nata in Giappone che affonda le sue radici nella medicina tradizionale cinese, unendo alle tecniche millenarie dell’agopuntura quelle più attuali del massaggio.

Attraverso lo shiatsu viene stimolata la capacità dell’individuo di raggiungere condizioni di benessere fisico, mentale  ed emozionale;  la sua essenza è il tatto, attraverso l’uso delle mani e dei pollici, un trattamento che ha l’obiettivo di stimolare l’equilibrio dinamico-energetico del ricevente, favorendo così  il ripristino generale dello stato di salute.

Lo shiatsu aiuta a combattere lo stress e le tensioni muscolari, e può essere un efficace sostegno nel corso di ulteriori terapie! 

 

Maria, quali sono gli ambiti di azione della vostra Scuola?

La nostra scelta è stata quella di promuovere azioni che vedano lo shiatsu andare verso le persone incontrandole nei loro spazi di vita: proprio in questo senso la Scuola Hen Ryu Shiatsu ha promosso e gestito progetti e laboratori sperimentali rivolti ai disabili, agli anziani, ai ragazzi dall’età scolare all’adolescenza.

 

In cosa consiste il Progetto Giovani?

Si tratta della prima esperienza a livello nazionale di shiatsu rivolta ai giovani, che li rende protagonisti del loro agire.

Contatto, arte e gioco sono gli ingredienti usati per arrivare a comprendere la qualità, il bisogno e i punti di forza del piccolo protagonista. Quando alleniamo i bambini, i giovani ad una sensibilità tattile, li stiamo educando a guardare oltre le apparenze. Lo shiatsu diventa così un’importante canale di apprendimento e sperimentazione della propria percezione corporea e tattile!

 

Sbaglio o esiste anche lo “Shiatsu” in Azienda?

Esatto! Nasce in collaborazione con il  Cral dell’ Unicredit come importante strumento di sostegno all’abbattimento dello stress da lavoro…chi non sognerebbe in pausa pranzo di ricevere un meraviglioso massaggio? Un’iniziativa unica in Italia, che ci auguriamo prenda piede anche nelle nostre realtà lavorative!!!

 

Maria, un’ultima domanda: come si diventa operatore Shiatsu?

Ci vuole una formazione minima di 750 ore, come previsto dagli organismi di categoria che per la normativa attuale sono deputati a definire e vigilare gli standard qualitativi della formazione messa in atto dalle diverse scuole.

La nostra proposta è articolata in livelli chiamati Hen (cambiamento) tra loro autonomi ma con gradi diversi teorico/pratico. L’intero percorso per conseguire il titolo di operatore è costituito da sette livelli; particolare importanza per l’Hen Ryu è il mantenimento della formazione permanente, gli operatori diplomati associati alla scuola continuano la loro formazione professionale partecipando ad attività formative di aggiornamento programmate sia all’interno che all’estero della scuola.

 

Le prossime date alla Palazzina?

Sabato 6 luglio – ore 17.00: laboratorio “I bambini e lo shiatsu”

Martedì 9 luglio – ore 21.00: Associazione Dragonette

Mercoledi 17 luglio e Sabato 20 luglio…chissà che non riceviate un massaggio gratuito!!!

 

Per Associazione Volonwrite

Claudia Cespites

Post precedente

Nel mare ci sono i coccodrilli

Prossimo post

Two ruote... is mei che four!

The Author

Giada Morandi

Giada Morandi

Ho inseguito tutti perchè si descrivessero, adesso però non ho più scuse… tocca a me!

Che dire?

Psicologa per passione, letteralmente inciampata nel mondo della comunicazione sociale nel 2007, grazie ad una borsa lavoro per persone con disabilità fisico-motoria presso il Servizio Passepartout del Comune di Torino.

In carrozzina da sempre (o quasi, ma mi sembra che la mia vita sia cominciata da lì!) oggi mi occupo di alcune attività legate al Progetto Prisma del Comune di Torino e della gestione di questo pazzo, colorato, vivace, allegro gruppo di ragazzi di Volonwrite.

….ma la prossima volta che ci viene in mente di aprire una sezione chi siamo sul sito, andiamo a berci un caffè?

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *