News

Horatio Nelson, l’ammiraglio inglese senza un braccio più famoso di tutti i tempi

Lord Horatio Nelson, primo duca di Bronte e primo visconte Nelson è stato un importante ammiraglio britannico. Sesto di undici figli, nasce il 29 settembre del 1758 a Burnham Thorpe, un piccolo villaggio nel Norfolk in Inghilterra. Per le sue vittorie nelle tre grandi battaglie navali in cui era comandante in capo è ancora oggi uno dei più amati e celebrati eroi nazionali d’Inghilterra.

I primi anni

Dopo aver perso la madre a soli nove anni, Horatio frequenta le scuole fino ai dodici per poi arruolarsi nella marina militare inglese grazie ad uno zio materno. Dopo aver fatto il suo primo viaggio nelle Indie Occidentali ed aver partecipato ad una spedizione nell’Artico, nel 1778 viene promosso capitano di vascello. In questo periodo scopre di soffrire di mal di mare, fastidio che si porterà avanti per tutta la vita nonostante le sue grandi imprese. Nel 1787, durante uno dei suoi viaggi nelle Indie conosce e sposa Frances Nisbet.

Nelson, il comandante senza un braccio

Dopo aver preso il comando del vascello Agamemnon durante la guerra contro la Francia, nel 1793 durante una missione a Napoli conosce Emma Hamilton, la giovane moglie dell’ambasciatore inglese che diventa ben presto sua amante. L’anno seguente, impegnato nella conquista della Corsica, perde l’occhio destro durante un attacco.

La carriera di Nelson subisce una svolta nel 1797 quando, disobbedendo agli ordini del suo capitano, decide di compiere un’azione a dir poco audace: chiude il passaggio alla flotta spagnola ed attacca due navi nemiche, determinando così la vittoria degli inglesi nella battaglia di Cape St. Vincent. Nello stesso anno, mentre partecipa alla battaglia per la conquista di Tenerife, viene colpito al braccio destro che si frattura in più punti; divenuto incurabile gli viene amputato (dall’incidente in poi l’ammiraglio stesso chiamerà scherzosamente il suo braccio “la mia pinna”), in rispetto delle pratiche mediche del tempo.

Gli ultimi anni, i successi e la battaglia finale

Dopo alcuni mesi di assenza dal campo di battaglia, Horatio riprende a guidare le sue navi ed il 1 agosto del 1798 è responsabile di un importante trionfo contro i francesi vincendo la famosa battaglia del Nilo (conosciuta anche come la battaglia di Aboukir Bay). La vittoria di Nelson mette fine alle ambizioni di Napoleone, intenzionato a fare guerra alla Gran Bretagna per impadronirsi delle Indie.

Nel 1800, dopo esser stato nominato da Re Ferdinando Duca di Bronte, torna in Inghilterra con Emma e, poco tempo dopo, decide di separarsi dalla moglie Francis per vivere con l’amante (nominata in seguito unica depositaria del testamento dell’ammiraglio), dalla quale avrà poi una figlia, Horatia. Nonostante la sua vita privata movimentata per i tempo, la stima che l’Ammiragliato ripone in lui non muta, anzi. Nel 1801 viene promosso viceammiraglio e, qualche tempo dopo, comandante in capo della flotta operante nel Mar Mediterraneo, la celebre “Mediterranean Fleet”.

La battaglia per la quale l’ammiraglio verrà sempre ricordato si verificherà solo qualche anno più tardi, nel 1805. Nella famosa battaglia di Trafalgar, Nelson issa sulla sua nave la celebre frase “England expects that every man will do his duty” (l’Inghilterra si aspetta che ognuno compia il proprio dovere) e porta alla vittoria la flotta inglese. Il duello anglo-francese per il controllo degli oceani volge così al termine: l’Inghilterra avrà il predominio assoluto sui mari fino alla Prima Guerra Mondiale.

Durante la battaglia un proiettile ferisce l’ammiraglio alla spalla e perfora i polmoni, arrivando alla base della colonna vertebrale. Dopo essere rimasto cosciente per 4 ore, il 21 ottobre del 1805, il grande ammiraglio Nelson muore. Il suo corpo viene conservato in una botte di rum fino al rientro in Inghilterra mentre il proiettile che lo ha ucciso è ancora oggi esposto nella casa reale di Windsor.

Data: 28/12/2015

Fonte: Abilitychannel.tv

Post precedente

Scuola, insediato il nuovo osservatorio per l'integrazione degli alunni disabili

Prossimo post

Legge di stabilità 2016 e persone con disabilità

The Author

redazione

redazione