News

I mille volti dell’ipovisione

Si chiama così il libro di Autori vari pubblicato dall’ARIS (Associazione dei Retinopatici ed Ipovedenti Siciliani), che fornisce una serie di spunti di riflessione sulle patologie visive in età pediatrica, adulta e anziana, e che si propone come punto di riferimento per tutti coloro che si apprestano a lavorare a fianco delle persone con disabilità visiva. La presentazione del volume è in programma per il 13 febbraio a Palermo.

Si chiama I mille volti dell’ipovisione. Un intervento costruito a più mani, il libro di Autori vari edito dall’ARIS (Associazione dei Retinopatici ed Ipovedenti Siciliani), che verrà presentato sabato 13 febbraio a Palermo (Sala delle Lapidi di Palazzo delle Aquile, Piazza Pretoria, ore 16.30).
«Le patologie visive in età pediatrica, adulta e anziana – spiega Rocco Di Lorenzo, presidente dell’ARIS – sono condizioni di disabilità che si traducono in una perdita dell’autonomia individuale. Si tratta di fenomeni complessi e pertanto occuparsene significa coinvolgere più mani per una presa in carico globale del fenomeno. Con questo libro, dunque, vogliamo fornire una serie di spunti di riflessione, utili all’analisi di tali patologie, oltre a un punto di riferimento per tutti coloro che si apprestano a lavorare a fianco della persona con disabilità, creando le basi e senza mai tralasciare tutti gli indispensabili aspetti che compongono la relazione d’aiuto».

Durante la presentazione del 13 febbraio – incontro che costituirà anche una buona occasione per promuovere l’impegno sociale e sanitario dell’ARIS, volto alla tutela delle persone con disabilità visiva e al miglioramento della loro qualità di vita – i vari Autori dei Mille volti dell’ipovisione proporranno alcune riflessioni sui temi trattati, approfondendo in particolare il contenuto dei loro specifici contributi. (S.G.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: segreteriaarispalermo@gmail.com.

Data: 11/2/2016

Fonte: Superando.it

Post precedente

Questi bambini disabili si costruiscono da soli le protesi e diventano supereroi

Prossimo post

Tecnologia: arrivano i primi robot per bambini con disabilità agli arti superiori

The Author

redazione

redazione