NewsSport&Disabilità

Il CIP ha nominato 50 “Ambasciatori dello sport paralimpico italiano”

Si è svolta ieri, presso l’atrio della Stazione Centrale di Milano, la presentazione del Team Ambasciatori dello Sport Paralimpico, scelti dal Comitato Italiano Paralimpico tra gli atleti azzurri che hanno vinto una medaglia a Londra 2012, Rio 2016 o in rappresentanza di una disciplina sportiva specifica.

Questi alcuni dei nomi scelti dal CIP per il progetto: Giovanni Achenza, Roberto Airoldi, Fabio Anobile, Martina Barbierato, Francesco Bettella, Matteo Betti, Martina Caironi, Giuseppe Catarinella, Paolo Cecchetto, Andrea Chiarotti, Chiara Coltri, Monica Contrafatto, Oxana Corso, Oscar De Pellegrin, Giorgio Farroni, Francesca Fenocchio, Michele Ferrarin, Mohamed Amine Kalem, Luca Mazzone Elisabetta Mijno, Sara Morganti, Nicole Orlando, Giulio Maria Papi, Giacomo Pierbon, Michele Pittacolo, Veronica Yoko Plebani, Vittorio Podestà, Francesca Porcellato, Alessio Sarri, Alberto Simonelli, Oney Tapia, Andrea Tarlao, Beatrice Vio, Alex Zanardi

Alla cerimonia di presentazione, condotta dal giornalista Mediaset Pierluigi Pardo, hanno partecipato anche il Ministro per lo Sport Luca Lotti e il Presidente del CIP Luca Pancalli, il quale ha sottolineato l’importanza della promozione dello sport paralimpico per contagiare virtuosamente i ragazzi con disabilità sparsi in tutta Italia. Il progetto, infatti, prevede che il Team Ambasciatori viaggi per lo “stivale”, all’interno di scuole, ospedali e Unità Spinali, per raccontare la propria esperienza e di come lo sport abbia cambiato in meglio la loro vita. Questo perchè «Ci sono ragazzi – come ha sottolineato ancora Pancalli – che non conoscono lo sport paralimpico: il giro d’Italia degli Ambasciatori servirà proprio a portare un messaggio di speranza, un obiettivo per il futuro attraverso lo sport».

Partner ufficiali del Team saranno Ferrovie dello Stato, che ha già attivato le Sale blu, il servizio di assistenza dedicato alle persone con disabilità, e RFI Rete Ferroviaria Italiana, che sta lavorando per migliorare l’accessibilità nelle stazioni grazie a un programma di interventi decennale (2016-2026). Chiudiamo con le parole del Ministro Lotti, rilasciate al sito ufficiale del CIP: «Si è trattata di una giornale culturale più che sportiva, questi atleti sono ambasciatori di sport ma in primo luogo persone che rappresentano un esempio per tanti ragazzi».

Post precedente

Presentato "Espositore for all": per l'accessibilità universale

Prossimo post

A Roma torna a battere “Cuore digitale”, un premio per le startup che aiutano i più deboli

The Author

Marco Berton

Marco Berton