News

“Il digitale? Uno strumento per superare la disabilità”


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.volonwrite.org/home/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.volonwrite.org/home/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Giovanni Cupidi è affetto da tetraplegia spinale e spiega come grazie ha trovato aiuto nel mondo della tecnologia

Giovanni Cupidi è un attivista per i diritti di persone con disabilità. Affetto da tetraplegia spinale dall’età di 13 anni – una delle forme più gravi e complesse di paralisi che può colpire il corpo umano provocando la parziale o completa perdita del movimento volontario – ha trovato aiuto nel mondo della tecnologia.

Fin da subito Giovanni si è accorto dell’enorme potenziale del mezzo digitale, di come gli permettesse di reperire rapidamente informazioni e tessere relazioni con persone ovunque nel mondo.

Ma la vera rivoluzione è arrivata dapprima con l’apertura del suo blog personale, poi con il lancio di una petizione online che ha posto l’accento sulla necessità di offrire un’assistenza continuativa a persone affette da grave disabilità.

giovanni cupidi

Sul sito ufficiale potete trovare tutte le informazioni su DigitaLife, dove saranno anche pubblicati tutti i video che invierete.

Il sito di DigitaLife – Il Film

Per mandare il vostro filmato, basta seguire le istruzioni in questa semplice scheda:

Come partecipare

DIGITALIFE E’ UN PROGETTO ANCHE TUO

È una grande ambizione raccontare il cambiamento con un film. Lo è ancor di più pensare di farlo in modo collettivo, corale, partecipato. DigitaLife sarà infatti un collage di storie che ci racconterete e che ci potrete fare avere con brevi video. Il nostro lavoro è organizzare tutto questo, raccontarlo e poi costruire l’opera grazie alla regia di Francesco Raganato.

Il digitale ha cambiato le nostre vite in profondità. Coglietene attimi, momenti, esperienze. Pensate a ciò che vi piace, vi preoccupa, vi entusiasma, vi spaventa. Anche le piccole cose quotidiane e non per forza i grandi progetti. Ognuno di noi vive, vede, ascolta storie che hanno a che fare con il digitale.

Raccontatelo. È un’azione importante per tutti noi e ci aiuterà a conoscere di più e a riflettere su cosa è successo, succede e succederà

Fonte: varesenews.it

(s.c./l.v.)

Post precedente

Come nasce un film? Un corso gratuito lo insegna alle persone con disabilità

Prossimo post

Disabilità intellettiva e relazionale: uno strumento per essere più autonomi

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?