Associazione Volonwrite

Comunicazione Sociale sulla Disabilità

di Valentina Caradonna

In una società digitale come la nostra tante informazioni garantiscono tante certezze? Questo è stato il tema della tavola rotonda di Giovedì 9 Maggio al Salone del Libro che ha coinvolto diversi relatori: “A volte – ha esordito Filippo Lucci, presidente nazionale Corecom – tanti dati possono generare tanta confusione; la cultura ci consente di codificare i messaggi e, per questo, è fondamentale aggiornarla, così come aggiornare lo strumento dell’informazione rispetto alle esigenze che si pongono. Nonostante l’accesso diretto dei cittadini al complesso di informazioni esistente in rete, essi ricercano sempre la piena credibilità, l’approfondimento di una notizia, che può avvenire anche attraverso un riscontro televisivo”. La verifica delle fonti e la mediazione giornalistica costituiscono le prime attività del mestiere del giornalista: “Non si devono rincorrere i processi – ha continuato Lucci – ma bisogna anticiparli”.

I big data possono configurarsi come strumenti di manipolazione: in questo senso si corre il rischio di essere soggiogati da una dittatura informatica? Quali sono gli scenari futuri? “La tecnologia digitale – ha riportato il professor Juan Carlos De Martin – sta entrando progressivamente e capillarmente in settori sempre maggiori totalmente tradizionali portando con sé la sensazione che tutto si stia digitalizzando.” Ciò che è cambiato è l’arrivo dell’informazione attraverso la rete, evidenziando lo slittamento, giustificato, dai big data ai social media. L’uso ordinario e inevitabile nel tempo dei big data, e dei social media, costituiscono un problema culturale: “C’è un equilibrio magico e sospeso – ha affermato il giornalista Tarcisio Mazzeo nel quale noi ci muoviamo: bisogna usare bene questi strumenti e sapere che è necessaria la verifica da parte dell’essere umano, usando la propria esperienza.”

Affrontare diverse questioni che hanno al centro i big data è stato uno sforzo che ha dovuto affrontare il professore Antonio Nicita. I big data non sono intesi solo come il flusso di dati, ma riportano l’idea, collegata ai social network, che esiste un modo di rivelare e raccogliere dati in grandi quantità e in grande varietà. Tutto ciò succede in una società nella quale si realizza la doppia e continua informazione: mentre usiamo un’informazione, la stiamo rivelando nello stesso tempo, contribuendo all’efficienza della domanda e dell’offerta dell’informazione stessa. Collegata ai big data non è solo la questione della privacy, ma anche una questione economica: l’informazione come bene economico.

Ciò che fa la differenza è la qualità dell’informazione: si tratta di un passaggio delicato in cui l’informazione parte in un modo, si evolve, cambia, si modifica, e alla fine si scopre che la vita, spesso, è un’altra cosa.

Categories: News

Comments are closed.