Associazione Volonwrite

Comunicazione Sociale sulla Disabilità

“Ora la mia vita ha un senso”. Sono queste le parole che Sam, teenager con autismo di Toronto, ha detto alla sua famiglia quando ha saputo di essere stato assunto da Starbucks. E grazie al suo capo Chris, che ha creduto in lui e lo ha aiutato a trasformare il suo disturbo in un punto di forza, è ora conosciuto da tutti come “dancing barista”. Sam infatti ha difficoltà a rimanere fermo e a controllare i movimenti del corpo: non pensavache sarebbe stato in grado di lavorare dietro un bancone. Invece dopo tanto impegno i suoi strani gesti sono diventati passi di ballo: il video in cui prepara le ordinazioni a ritmo di musica è ormai virale. Condiviso da Carly Fleischmann, ragazza con autismo autrice del libro “La voce di Carly” sui social network e poi ripreso da pagine Facebook e decine di migliaia di utenti, ha ottenuto più di 50 milioni di visualizzazioni in pochi giorni

Fonte: west-info.eu

(s.c./l.v.)

Categories: News

Comments are closed.