Associazione Volonwrite

Comunicazione Sociale sulla Disabilità

Un’importante innovazione per tutte le persone con disabilità e, più in generale, chiunque abbia limitazioni funzionali: il Parlamento Europeo ha approvato, nella giornata di ieri, il suo “Atto di accessibilità”, un documento di 139 pagine con disposizioni relative ai requisiti di accessibilità di prodotti e servizi; la direttiva si basa sull’incremento della domanda dovuto alle previsioni sul numero di persone con disabilità sul territorio continentale.

L’obiettivo principale del provvedimento, si legge, è quello di “contribuire al corretto funzionamento del mercato interno mediante il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri in materia di requisiti di accessibilità per determinati prodotti e servizi, in particolare eliminando e prevenendo gli ostacoli alla libera circolazione di determinati prodotti e servizi accessibili derivanti dall’eterogeneità dei requisiti di accessibilità negli Stati membri”. Secondo l’Unione Europea sarebbero proprio le disparità e la frammentazione tra le varie leggi nazionali a creare ostacoli alla libera circolazione, falsare la concorrenza nel mercato interno e alzare i prezzi delle tecnologie assistive. Gli ambiti di intervento sono molteplici e riguardano anche la telefonia, internet, gli sportelli bancomat e self-service, le biglietterie automatiche, i servizi bancari e telematici…

Tra le note negative, come sottolineato da www.disabili.com, ci sarebbero i tempi per l’entrata in vigore delle disposizioni della normativa: l’iter legislativo prevede, infatti, che dopo l’approvazione al Consiglio Europeo debba seguire la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Dopodiché la palla passerà agli stati nazionali, che avranno tre anni di tempo per recepirle e addirittura sei per renderle operative. Da segnalare anche la non definizione delle soluzioni tecniche da adottare, totalmente delegate ai produttori e ai gestori delle piattaforme, e la mancanza di criteri specifici riguardanti edifici e trasporti.

Per consultare la direttiva nella sua interezza: http://www.europarl.europa.eu/doceo/document/A-8-2017-0188-AM-363-363_IT.pdf

Categories: News

Comments are closed.