News

Imparare a scrivere con i mattoncini Braille. Dal Brasile l’innovazione per i bambini ciechi

Usare un classico dei giocattoli per l’infanzia per aumentare l’alfabetizzazione tra i bambini ciechi. Così nascono in Brasile i ‘mattoncini braille’, piccoli box di plastica a incastro con incisi in rilievo l’alfabeto Braille, del tutto simili ai famosi modelli LEGO. Le borchie di ciascun mattoncino ricalcano la disposizione delle lettere dell’alfabeto Braille e possono essere utilizzati dai bambini per formare parole.

Il progetto, nato dalla collaborazione tra la Fondazione Dorina Nowill per ciechi e l’agenzia pubblicitaria Lew’Lara\TBWA, è un’assoluta innovazione per facilitare l’apprendimento attraverso il gioco e l’interazione. La grande casa danese del mattoncino finora ha sostenuto iniziative per i non vedenti, tra cui il LEGO Blind Art Project, ma non ha mai condiviso i disegni dei modelli modificati. Questo non ha fermato le sperimentazioni degli appassionati con le proprie creazioni, proprio l’anno scorso, un ragazzo di 13 anni, ha inventato una stampante braille utilizzando un kit LEGO Mindstorms EV3.

A oggi, la Fondazione Nowill ha creato kit di mattoncini in braille per 300 bambini. Nella speranza di far arrivare i modelli per ciechi in tutto il mondo, la non profit ha diffuso i disegni attraverso una licenza Creative Commons, che permette di riutilizzare i modelli realizzati, che hanno riscosso grande successo.

Fonte: sociale.corriere.it

(s.c./s.f.)

Post precedente

Un anno di Disabili DOC e qualche mese di “Selezionando”

Prossimo post

DISABILI PROTAGONISTI CON IL FILM "HO AMICI IN PARADISO"

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?