News

Istat, ancora tante le scuole con barriere architettoniche

È il Mezzogiorno la ripartizione geografica con la percentuale più bassa di scuole con scale a norma nelle scuole primarie, il 73%, mentre nelle scuole secondarie è il Centro con l’81,1%

È il Mezzogiorno la ripartizione geografica con la percentuale più bassa di scuole con scale a norma nelle scuole primarie, il 73%, mentre nelle scuole secondarie è il Centro con l’81,1%. Lo dice il report dell’Istat sull’Integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di primo grado (2015-2016).

Sempre nel Mezzogiorno si ha la minore presenza di servizi igienici a norma: la percentuale si ferma al 69,2% nelle scuole primarie e al 74,5% in quelle secondarie di primo grado; il Nord è, invece, la ripartizione territoriale con la percentuale più elevata di caratteristiche a norma dei plessi scolastici: l’81,3% di scuole primarie e il 85,7% di scuole secondarie ha scale a norma; l’81,6% di scuole primarie e il 84,2% di scuole secondarie ha servizi igienici a norma. Le scuole sono poco accessibili in tutto il territorio nazionale se si considera la presenza di segnali visivi, acustici e tattili per favorire la mobilità all’interno della scuola di alunni con disabilità sensoriali, oppure, in generale, di percorsi interni ed esterni accessibili.

Solo il 26,5% delle scuole primarie del Nord ha all’interno del plesso scolastico mappe a rilievo o percorsi tattili, la percentuale è ancora più bassa nelle scuole del Mezzogiorno, 15,4%. Lo stesso differenziale territoriale permane nella scuola secondaria: il 27,5% delle scuole secondarie di primo grado del Nord contro il 15,4% di quelle del Mezzogiorno. I percorsi interni ed esterni accessibili sono invece presenti nel 49,4% di scuole primarie del Nord contro il 39,8% di quelle del Mezzogiorno,la stessa tendenza è presente nelle scuole secondarie di primo grado in cui le percentuali sono rispettivamente del 50,1% e 42,3%.

Solo il 15% delle scuole primarie e secondarie di primo grado che nel corso dell’anno scolastico 2015-2016 ha dichiarato di aver effettuato dei lavori per migliorare l’accessibilità dell’edificio, mentre c’è circa il 20% delle scuole in entrambi gli ordini scolastici che dichiara di non aver effettuato lavori pur avendone bisogno

Fonte: milanofinanza.it

(s.c./l.v.)

Post precedente

Disabilità. Shopping senza barriere o Natale “inaccessibile”?

Prossimo post

«Due su un milione», «Undateables» Successo dei format tv sulla disabilità

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?