NewsSport&Disabilità

Italia a punteggio pieno agli Europei di ice sledge hockey

Un inizio col botto quello della Nazionale Italiana di ice sledge hocey agli Europei in corso a Ostersund, in Svezia. Dopo le prime tre gare, infatti, gli Azzurri sono a punteggio pieno, confermandosi squadra di valore assoluto. Oggi la competizione sarà ferma per una giornata di pausa e riprenderà domani con il big match contro la favorita Russia.Tutto perfetto, tutto come nelle più rosee previsioni, tutto come voluto da Gregory Leperdi nelle interviste della vigilia. L’Italia ha fatto le cose per bene e si ritrova con l’ultimo, grande ostacolo da superare, quella Russia tanto forte (è composta da atleti professionisti, va ricordato) quanto raggiungibile con la massima attenzione difensiva e la massima spietatezza in attacco.  Le prime tre giornate degli Europei hanno lasciato un’unica, grande certezza: dietro le più grandi corazzate mondiali, l’Italia c’è, altrimenti non avrebbe superato in scioltezza Nazionali come Germania, Repubblica Ceca e Norvegia.

Sono state tre gare in ordine progressivo di difficoltà, come evidenziato anche dai punteggi finali: dalla vittoria all’esordio contro i tedeschi (3-1 con doppietta di Planker e rete di Rosa) al netto successo con la Repubblica Ceca (4-0 con doppietta di Kalegaris e gol di Corvino e Winkler) fino al capolavoro contro la Norvegia (quarta agli ultimi Mondiali e alle Paralimpiadi di Sochi), battuta 1-0 grazie al solito Planker e ai prodigiosi interventi del portiere Araudo.

Domani, a partire dalle 18 (diretta in streaming qui), riflettori puntati su Russia-Italia, gara decisiva per confermarsi Campioni Continentali: servirà la massima concentrazione da parte dei ragazzi di coach Massimo Da Rin, chiamati all’ennesima impresa. I Russi, nell’ultimo confronto, si sono sbarazzati della Svezia con l’impressionante punteggio di 16-1; siamo sicuri che Capitan Chiarotti e compagni non si faranno intimidire dalla forza degli avversari e metteranno in campo tutta la loro forza ed esperienza.

Post precedente

Il cambiamento climatico minaccia anche il cervello: ecco perché

Prossimo post

Un’offesa a una persona con disabilità è un’offesa a tutti

The Author

Marco Berton

Marco Berton