Per ridere un po'... lo stupidario della disabilità

La musica napoletana le scatena l'epilessia

indexSilvia N. venne da me per una visita verso la fine del 2005. La signora N. aveva sviluppato un disturbo epilettico subito dopo i trent’anni. Alcuni dei suoi attacchi erano crisi di grande male, con convulsioni e perdita totale di coscienza. Altri erano di tipo più complesso, con un certo sdoppiamento della coscienza. A volte le sue crisi sembravano essere spontanee, oppure una reazione allo stress, più spesso però erano indotte dalla musica. Un giorno la trovarono incosciente sul pavimento, dopo una crisi. Il suo ultimo ricordo prima dell’attacco era che stava ascoltando un cd con le sue canzoni napoletane preferite. All’inizio non si attribuì alcun significato alla cosa. Poco tempo dopo, però, la signora N. ebbe un’altra crisi simile, anche in quel caso mentre stava ascoltando canzoni napoletane, e cominciò a chiedersi se non ci fosse una connessione. Fece alcune prove da sé, con cautela, e scoprì che ascoltare quelle canzoni, dal vivo o registrate, suscitava infallibilmente una sensazione particolare, seguita in breve da una crisi. Nessun’altra musica produceva quello stesso effetto.

Alle prime note di O’ sole mio doveva fuggire (leggi l’articolo completo)

Post precedente

Eccome se un cartello fa la differenza!

Prossimo post

Si è conclusa la prima fase de "L'Agorà del Sociale"

The Author

redazione

redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *