NewsSport&Disabilità

La Pro Sesto presenta la sua Scuola Calcio per persone con disabilità

La Pro Sesto, storica società calcistica di Sesto San Giovanni (ora militante nel Campionato Nazionale Dilettanti) sta portando avanti, in collaborazione con la società Dinamic Star, un progetto di scuola calcio interamente destinato e dedicato a ragazze e ragazzi con disabilità tra i 9 e i 25 anni.

Un progetto che è destinato a far parlare di sè anche a livello internazionale, studiato e organizzato in collaborazione con il Comune di Sesto San Giovanni e, come detto, della Dinamic Star, azienda privata che opera nel campo dello sport per persone con disabilità, in particolare intellettive. L’obiettivo è quello di (come si legge sul sito ufficiale) accrescere il benessere psico-motorio dei tanti ragazzi che, al momento, non hanno un’organizzazione sportiva che gli dia la possibilità di praticare uno degli sport più amati. Tutto ciò avviene con un metodo innovativo, applicando le tecniche di allenamento generalmente dedicate ai professionisti, per una preparazione a 360°.

Il processo che porta alla partecipazione alla scuola calcio prevede una valutazione congiunta con la famiglia e una consultazione con assistenti sociali, insegnanti ed educatori per favorire l’ideale sviluppo fisico, atletico ed intellettuale. In questo progetto la vittoria è importante se non viene considerata come fine a se stessa ma come occasione di crescita personale e collettiva; a tal proposito, oltre alle componenti fondamentali del gioco del calcio come preparatori e arbitri, verrà coinvolto anche uno psicologo che seguirà, passo dopo passo, l’inserimento in squadra dei ragazzi. Tutte le tecniche di preparazione atletico/sportiva verranno adattate per venire incontro alle esigenze di tutti secondo precise indicazioni di personale specializzato.

Lo scorso 22 maggio, presso il Centro Sportivo Breda in Via Milanese a Sesto San Giovanni, è andato in scena il primo raduno/open day della Scuola Calcio, che ha coinvolto tantissimi ragazzi e appassionati. Ecco le parole di presentazione del Presidente della Pro Sesto Mauro Ferrero, rilasciate qualche giorno fa al Corriere della Sera: «Serve un campionato e, prima o poi, ci arriveremo … pensare a questi ragazzi è più importante della nostra classifica, dobbiamo trattarli come atleti veri e propri; il mio sogno è quello di creare un’accademia del calcio che coinvolga tutti, cambiando qualche stereotipo ormai superato».

 

Post precedente

L'Italia chiude gli Europei di scherma a quota 8 medaglie

Prossimo post

Salute: arriva l’App che ti salva la vita

The Author

Marco Berton

Marco Berton