Per ridere un po'... lo stupidario della disabilità

La proposta: "Donne a lezione di sesso con ANDICAPPATI"

Fa discutere il singolare workshop proposto tra le mura del noto centro di paraplegia di Nottwil. Gli organizzatori: “Vogliamo che gli andicappati (così scritto) vivano questa esperienza nel modo più naturale”

NOTTWIL – Un workshop per insegnare alle donne a fare sesso (ma il sesso non è un istinto primordiale???) con le persone andicappate. È quanto si propone il progetto sexcare che di recente ha lanciato un workshop inedito. A fare da teatro alle singolari lezioni è il centro di paraplegia di Nottwil, nel canton Lucerna, dove le professioniste del sesso lo scorso fine settimana sono state formate sugli aspetti più importanti della sessualità del disabile. “Lo scopo del nostro lavoro – spiega la sessuologa Isabelle Kölb, una delle menti dell’iniziativa – è di fare in modo che il disabile viva il sesso nel modo più naturale possibile, come una persona sana”.

Gratificazione – Nel corso del workshop si analizzano gli aspetti psicologici e fisiologici della sessualità del disabile. Si spiega, in pratica, alle prostitute come ci si deve porre nei confronti del paziente, a seconda del problema di cui soffre. Alle lezioni, che complessivamente costano 340 franchi, ha partecipato anche Nina, una ragazza di 25 anni, prostituta professionista. “Sono una persona molto aperta. Il lavoro che faccio mi dà parecchio dal punto di vista umano. Nel corso del workshop abbiamo ricevuto diverse informazioni sui vari tipi di andicap. È stato utilissimo”.

Felicità – Il principio di sexcare.ch è semplice. Lo spiega bene il responsabile marketing Andreas Schürch: “È più facile insegnare a una donna come comportarsi sessualmente con un disabile, piuttosto che tenere la persona con handicap lontano dal sesso”(!!! Quanta saggezza!!!).

Daniel Wernli, 42 anni, colpito da una paresi celebrale, apprezza gli sforzi di sexcare.ch. “Le donne mi danno felicità. Come la darebbero a qualsiasi altra persona”. Per la portavoce del centro di Nottwil, Anita Steiner, la formazione delle prostitute che hanno a che fare con disabili è molto importante. “Se una prostituta non ha conoscenze in merito, potrebbero verificarsi situazioni spiacevoli. Questa è un’iniziativa che ha parecchio senso”.

“Un’iniziativa di parecchio senso”…voi che ne pensate???

 

 

Fonte: www.tio.chrevolution_150_125

Post precedente

Disabile di Somma sull'Asse Mediano a bordo di una carrozzetta, salvato da polizia

Prossimo post

Ladri restituiscono bottino a disabile

The Author

redazione

redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *