News

La tua voce può cambiarti la vita


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.volonwrite.org/home/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.volonwrite.org/home/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

1Lunedì 8 luglio – L’uomo, diceva Aristotele, è un animale sociale. L’essere umano ha bisogno di comunicare, intendendo la comunicazione come un fenomeno a 360°, che comprende non solo ciò che viene effettivamente detto – dimensione verbale – ma anche il come viene detto – il tono della voce, il ritmo del respiro, dimensione paraverbale – ma soprattutto ciò che viene esplicitato solo attraverso la gestualità, ovvero il linguaggio non verbale, la comunicazione del corpo.

Ciro Imparato lo sa bene, in quanto formatore esperto in comunicazione orale e autore del libro “La tua voce può cambiarti la vita”. Sabahe, per conto di Volonwrite, ha approfondito il rapporto che egli ha instaurato con Margherita Bersisa, presidente del Lions Club.

 

Margherita, chi sono e cosa fanno i Lions?

Sono la più grande organizzazione umanitaria al mondo, conta più di un milione e 400,000 persone che nei diversi Paesi si adoperano x aiutare chi è in difficoltà; sono tanti club riuniti sotto un’unica egide che è il Lions Club International, con sede in America.

 

Ciro, cosa fai nella vita?

Parlo. Mi occupo di corsi e di progetti di comunicazione, che riguardano la voce e il modo in cui noi la usiamo; ognuno di noi dovrebbe essere in grado di trasferire agli altri emozioni, sensazioni che vadano oltre ciò che diciamo.

 

Margherita, ci puoi presentare il Progetto “Ambasciatore della buona comunicazione”?

Si tratta di un progetto pilota che nasce da anni di collaborazione con Ciro Imparato, che ha supportato noi Lions in tante iniziative come “donatori di voce”, per registrare testi su cd per non vedenti: ad esempio libri di fiabe per i bambini del reparto oncologico del Regina Margherita.

Il Progetto nasce con l’intento di far qualcosa sul territorio della nostra Città e in collaborazione con il Comune di Torino, per questo abbiamo preso contatti con l’assessorato alle politiche sociali e grazie a loro abbiamo insieme costruito questo progetto che ha lo scopo di formare volontari, inizialmente 36 tra Lions, Leo – giovani Lions – e cittadini che hanno piacere di fare questo percorso.

Vi sarà una parte di formazione – che avverrò a cura di Ciro Imparato – affinché poi queste persone possano attivamente intervenire in condizioni di difficoltà.

Abbiamo individuato alcuni campi di interesse, come le Biblioteche civiche di Torino, l’ospedale infantile Regina Margherita, le residenze per gli anziani e altre realtà che emergeranno.

Pertanto i volontari, dopo una prima fase di formazione, andranno a operare in questi contesti, per portare una buona comunicazione in modo da creare delle piacevoli e positive relazioni! Se si è in armonia i rapporti funzionano sicuramente meglio, e questo è il nostro scopo.

 

Ciro quale è il tuo ruolo nel Progetto?

Questo è un progetto che nasce dal lavoro fatto insieme con i Lions, dove ci siamo chiesti “cosa possiamo fare in più per le persone?” e il risultato che ne è emerso attinge fonte anche dai miei studi, che mirano a migliorare la comunicazione. Il fattore interessante è metter insieme le parti didattiche con quelle sociali, e quindi pensare che possa esistere la possibilità di dare al cittadino comune la competenza per essere padrone di una buona comunicazione, perché l’incomunicablità e l’incapacità di creare buone relazioni influenzano molto gli altri, suscitando sentimenti negativi.

 

Per Associazione Volonwrite

Claudia Cespites

Post precedente

Ambasciatori della Buona Comunicazione

Prossimo post

Libera Piemonte

The Author

Giada Morandi

Giada Morandi

Ho inseguito tutti perchè si descrivessero, adesso però non ho più scuse… tocca a me!

Che dire?

Psicologa per passione, letteralmente inciampata nel mondo della comunicazione sociale nel 2007, grazie ad una borsa lavoro per persone con disabilità fisico-motoria presso il Servizio Passepartout del Comune di Torino.

In carrozzina da sempre (o quasi, ma mi sembra che la mia vita sia cominciata da lì!) oggi mi occupo di alcune attività legate al Progetto Prisma del Comune di Torino e della gestione di questo pazzo, colorato, vivace, allegro gruppo di ragazzi di Volonwrite.

….ma la prossima volta che ci viene in mente di aprire una sezione chi siamo sul sito, andiamo a berci un caffè?

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *