Associazione Volonwrite

Comunicazione Sociale sulla Disabilità

imagesQuesta la tematica della serata di mercoledì 2 luglio.

A La Salute in Comune numerosi gli ospiti e intensa la partecipazione durante la serata dedicata alle donne e ai loro carnefici. Dai dibattiti che sono sorti e dalle parole di Domenica Genisio – Commissione per i Diritti e le Pari Opportunità – rincuora il fatto che la Città di Torino abbia raggiunto un livello alto riguardo la prevenzione e i servizi che si adoperano a favore delle donne che subiscono violenza, come i Vigili di Prossimità, i Consultori Familiari, il Centro Antiviolenza cittadino e i protocolli di intesa con le associazioni dedicate.

A livello europeo, rispetto alle altre nazioni, spiega la Genisio “pecchiamo di efficienza, ma il livello di attenzione contro la violenza di genere è comunque molto alto”. Molta sensibilità dunque nell’approvazione delle leggi e di adesione ai progetti quali “365 giorni no”, nonostante sia sempre necessaria una fitta comunicazione perché purtroppo si tende a dimenticarsi l’esistenza.

L’Italia è tra le poche nazioni europee che hanno approvato la Convenzione di Istanbul, secondo la quale la violenza è femminicidio e quindi reato. Inoltre la Città di Torino ha ruolo tecnico molto importante a livello nazionale: aderisce infatti alla rete REDI – Rete Europea Contro la Violenza di Genere che ha aperto varie finestre di dialogo con i ragazzini, per sensibilizzarli sull’argomento e che la violenza sia fisica che verbale non deve esistere.

Troppi passi invece sono ancora da fare contro l’omofobia. Le norme esistono ma faticano ancora a essere recepite, capite.

Per Associazione Volonwrite
Vittoria Trussoni

Leave a Reply