La Salute in Comune - 2014

L’Amore Molesto: donne e uomini di fronte alla violenza

imagesQuesta la tematica della serata di mercoledì 2 luglio.

A La Salute in Comune numerosi gli ospiti e intensa la partecipazione durante la serata dedicata alle donne e ai loro carnefici. Dai dibattiti che sono sorti e dalle parole di Domenica Genisio – Commissione per i Diritti e le Pari Opportunità – rincuora il fatto che la Città di Torino abbia raggiunto un livello alto riguardo la prevenzione e i servizi che si adoperano a favore delle donne che subiscono violenza, come i Vigili di Prossimità, i Consultori Familiari, il Centro Antiviolenza cittadino e i protocolli di intesa con le associazioni dedicate.

A livello europeo, rispetto alle altre nazioni, spiega la Genisio “pecchiamo di efficienza, ma il livello di attenzione contro la violenza di genere è comunque molto alto”. Molta sensibilità dunque nell’approvazione delle leggi e di adesione ai progetti quali “365 giorni no”, nonostante sia sempre necessaria una fitta comunicazione perché purtroppo si tende a dimenticarsi l’esistenza.

L’Italia è tra le poche nazioni europee che hanno approvato la Convenzione di Istanbul, secondo la quale la violenza è femminicidio e quindi reato. Inoltre la Città di Torino ha ruolo tecnico molto importante a livello nazionale: aderisce infatti alla rete REDI – Rete Europea Contro la Violenza di Genere che ha aperto varie finestre di dialogo con i ragazzini, per sensibilizzarli sull’argomento e che la violenza sia fisica che verbale non deve esistere.

Troppi passi invece sono ancora da fare contro l’omofobia. Le norme esistono ma faticano ancora a essere recepite, capite.

Per Associazione Volonwrite
Vittoria Trussoni

Post precedente

Il Centro Antiviolenza del Comune di Torino

Prossimo post

Torino e la salute delle donne

The Author

Giada Morandi

Giada Morandi

Ho inseguito tutti perchè si descrivessero, adesso però non ho più scuse… tocca a me!

Che dire?

Psicologa per passione, letteralmente inciampata nel mondo della comunicazione sociale nel 2007, grazie ad una borsa lavoro per persone con disabilità fisico-motoria presso il Servizio Passepartout del Comune di Torino.

In carrozzina da sempre (o quasi, ma mi sembra che la mia vita sia cominciata da lì!) oggi mi occupo di alcune attività legate al Progetto Prisma del Comune di Torino e della gestione di questo pazzo, colorato, vivace, allegro gruppo di ragazzi di Volonwrite.

….ma la prossima volta che ci viene in mente di aprire una sezione chi siamo sul sito, andiamo a berci un caffè?

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *