La Salute in Comune - 2015

L’arte del massaggio

Lo Shiatsu, la Grande Arte per la Salute, è stato il protagonista delle Pillole di salute della serata di domenica 19 luglio.

Protagonista della serata Germana Fruttarolo, presidente dell’Associazione Itado, un’associazione che fa parte della Fisieo – Federazione Italiana Shiatsu Insegnanti e Operatori.

Lo Shiatsu è una raffinata tecnica di pressione corporea che agisce su precise zone del corpo umano, canali energetici o punti, a seconda degli stili di shiatsu, i quali, facendo fluire regolarmente l’energia, sono in grado di creare benessere e salute. Lo shiatzu è arte, cultura e scienza allo stesso tempo e le sue origini sono da ricercare a partire dal 200A.C., quando la medicina tradizionale cinese inizia ad attecchire in Giappone, espandendosi poi fino al IX secolo grazie ai monaci buddisti.

La diffusione dello shiatzu in oriente e in occidente è dovuta ai due grandi maestri Namikoshi e Masunaga: il primo porta la diffusione della disciplina in Giappone e il secondo ne porta la diffusione in occidente a partire dagli anni 70.
I due stili sono profondamente diversi. Lo stile Namikoshi si basa sull’anatomia e sugli aspetti fisiologici del corpo, mentre lo stile Masunaga si focalizza sulla circolazione energetica nell’ambito dei canali intrecciandosi con i principi della Medicina Tradizionale Cinese, dalla quale poi nacquero i vari stili.

La Federazione Italiana Shiatsu Insegnanti e Operatorinasce nasce nel 1990 per volontà di alcuni operatori che per primi cominciarono a praticarlo in Italia. Si propone quindi di tutelare gli interessi della categoria e dei singoli professionsti associati, di compiere azioni a favore del riconoscimento istituzionale dei professionisti, sia a livello regionale sia nazionale, di promuovere l’aggiornamento professionale dei soci e lo scambio di esperienze e di garantire e verificare la formazione di coloro che praticano la disciplina, fissando percorsi teorico-pratici con un formazione continua obbligatoria.

Post precedente

TG 18 LUGLIO

Prossimo post

TG 19 LUGLIO

The Author

Vittoria Trussoni

Vittoria Trussoni

Mi chiamo Vittoria, sono nata nel 1985 e se mi chiedete qual è il mio mestiere la risposta è…non lo so.

C’è chi dice una “comunicatrice”, chi una pseudo reporter in erba, chi un’educatrice mancata e chi una mantenuta. Insomma potrei essere tutto o niente, ma tento di fare quello che mi piace, senza troppe pretese dato che non sono specializzata in nulla.

Sono laureata in Lettere ma, al di là di una discreta cultura (che anche lì è da provare), non ho sfruttato al meglio la mia triennale letteraria, preferendo buttarmi nel mondo del sociale. E’ quasi tre anni che collaboro con l’Associazione e grazie alle splendide persone che la popolano e alla educativa esperienza del servizio civile volontario, ho scoperto cosa mi piacerebbe fare nella vita – al di là della fattora eh, ma quella è un’altra storia.

Adoro stare in mezzo alle persone, dedicare il mio tempo agli altri, conoscere, informarmi, curiosare in giro. Fare polemica, ridere, scherzare e soprattutto parlare parlare parlare. Sono un’inguaribile logorroica.

Sono cresciuta senza riconoscere la mia forza, con la perenne paura di sbagliare e di disattendere le aspettative delle persone che mi stavano vicino. Con il tempo ho imparato a cercare la fiducia in me e non negli occhi degli altri. Descritta così sembro perfetta!

In realtà sono permalosa, cocciuta, distratta, casinista e non molto ben disposta ad ascoltare le critiche, soprattutto se penso di avere ragione (sono un ariete, ho detto tutto!) ma sono entusiasta della vita, non amo la negatività delle lamentele.

Ecco, ho scritto già troppo!