News

L'Associazione Asili Notturni si racconta


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.volonwrite.org/home/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.volonwrite.org/home/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

1Lunedì 1 luglio -Avete mai sentito parlare dell’Associazione Asili Notturni? Un progetto esempio di solidarietà e amore verso il prossimo che siamo orgogliosi di poter dire esistere sul territorio torinese…

Stefano, ha avuto l’onore di intervistare personalmente il Dottor Sergio Rosso, Presidente dell’Associazione Asili Notturni:

 

Dottor Sergio Rosso, ci racconta in cosa consiste la Sua Associazione?

Si tratta di un’associazione storica che risale alla fine dello scorso secolo; si è avuta un’ interruzione nel 1982 ed è stata in seguito rifondata proprio nello stesso anno; inizialmente, quando ho deciso di occuparmi degli asili notturni, pensavo semplicemente ad un luogo in cui le mamme che lavoravano la sera potessero affidare i propri figli. In realtà, il progetto si è evoluto in qualcosa di diverso e dal raggio d’azione molto più ampio e “ a tutto tondo”! Lo spazio della struttura era immenso. Inizialmente si trattava solamente di un dormitorio, ma ben presto io e i miei collaboratoti ci siamo resi conto che queste persone  non avevano di che mangiare…e allora ci siamo adoperati per ovviare al problema, creando la più ricca mensa serale aperta a Torino, dove offriamo centomila pasti all’anno.

 

Successivamente ci siamo anche resi conto che i problemi erano altri: molti dei nostri “ospiti” non avevano i denti,  altri avevano problemi ottici e di salute in genere, dovuti al vivere al margine della società e al non accedere alle strutture pubbliche. E’ stato allora che abbiamo aperto un ambulatorio medico, uno psichiatrico e uno ottico, per sostenere le difficoltà di queste persone.

Con gli anni il nostro centro è anche diventato il più grande per l’accoglienza  dei parenti degli ammalati che provengono da tutta Italia e che non hanno soldi per mantenersi negli hotel.

Ospitiamo inoltre il più  grosso ambulatorio dentistico interamente gratuito, come interamente gratuite sono le attività che svolgiamo negli asili notturni.

 

Nella associazione operano tanti professionisti, il cui impegno è sempre in forma di volontariato. Quali sono i valori che vi accomunano in questa missione?

La nostra associazione si erge sui valori interiori morali di chi ne fa parte: solidarietà, tolleranza, fraternità. Possiamo esprimere il meglio perché i nostri volontari sono molto professionali! Su 25 dentisti 4 sono docenti universitari e  3 sono primari di ospedali odontoiatrici, così come nell’ambulatorio psichiatrico operano 12 dottori tra psicologi e psicoterapeuti.

 

Come si può accedere ai vostri servizi e partecipare alla vostra associazione?

Per accedere ai nostri servizi è sufficiente  recarsi presso gli asili notturni per ricevere un letto e un pasto caldo; per quanto riguarda le cure dentistiche per i bambini dati in affidamento il filtro è il Centro per l’affidamento del comune di Torino.

Per coloro che invece volessero venire a prestare la loro opera basta suonare al nostro campanello…un ruolo lo troviamo!

Per Associazione Volonwrite

Claudia Cespites

Post precedente

Bambini Ri-Denti

Prossimo post

Disabilità. Facciamo gli indiani?

The Author

Giada Morandi

Giada Morandi

Ho inseguito tutti perchè si descrivessero, adesso però non ho più scuse… tocca a me!

Che dire?

Psicologa per passione, letteralmente inciampata nel mondo della comunicazione sociale nel 2007, grazie ad una borsa lavoro per persone con disabilità fisico-motoria presso il Servizio Passepartout del Comune di Torino.

In carrozzina da sempre (o quasi, ma mi sembra che la mia vita sia cominciata da lì!) oggi mi occupo di alcune attività legate al Progetto Prisma del Comune di Torino e della gestione di questo pazzo, colorato, vivace, allegro gruppo di ragazzi di Volonwrite.

….ma la prossima volta che ci viene in mente di aprire una sezione chi siamo sul sito, andiamo a berci un caffè?

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *