News

“L’attimo sicuro”: la leggerezza del fumetto animato contro gli infortuni sul lavoro

Vignette e musiche alla base del cortometraggio di Martignoni, Guerrieri e Sarzi Amadè che per il secondo anno consecutivo hanno conquistato la giuria del premio nazionale “Marco Fabio Sartori”. Gli autori: “Sbagliato partire sempre dagli incidenti. Dimostriamo i risultati positivi della prevenzione”.

La precisione di un orologiaio e la creatività di un fumettista a confronto. Ambienti diversi che scandiscono una narrazione intelligente, creativa e che consegna allo spettatore un messaggio importante: durante lo svolgimento del proprio lavoro mai abbassare la guardia. Sono questi i luoghi – insieme a un cantiere edile immaginato e realizzato su carta – a fare da sfondo a “L’attimo sicuro”, il cortometraggio vincitore della quarta edizione del premio nazionale “Marco Fabio Sartori”, promosso in memoria del presidente dell’Inail prematuramente scomparso nel 2011 e organizzato dalla direzione regionale Lombardia dell’Istituto e dall’Organismo paritetico della Provincia di Varese, in collaborazione con l’istituto cinematografico “Michelangelo Antonioni”.

Il fumetto per raccontare la realtà. Vincitori per il secondo anno consecutivo, i tre autori – Giorgio Martignoni, Giulio Guerrieri e Mauro Sarzi Amadè – sono ritornati a misurarsi con la macchina da presa, introducendo un nuovo elemento nei loro video: il fumetto animato. Un linguaggio divertente e immediato, quello del cartoon, che in pochi secondi permette di passare dalla dimensione reale – un laboratorio di orologeria e uno studio grafico – alla vignetta, raccontando in una sequenza di immagini in movimento la sicurezza sui ponteggi e l’importanza dell’ancoraggio. Sollecitato dai suoi colleghi per la pausa pranzo, il protagonista del fumetto, infatti, si stacca dal suo gancio prima di terminare il lavoro, rischiando di cadere dall’alto. Ed è in quell’attimo che si rende conto del pericolo sventato.

Guerrieri: “Basta un attimo perché la tua vita possa cambiare”. “Volevamo raccontare in maniera diversa la sicurezza sui luoghi di lavoro – spiega Giulio Guerrieri – E specialmente illustrarla in una chiave positiva e anche un po’ simpatica. E questo solo il fumetto poteva permetterci di farlo. Abbiamo dato voce a un personaggio animato che alla fine del corto ripete ai colleghi la lezione imparata e l’importanza di non staccare mai durante il lavoro. Insomma uno dei messaggi che volevamo far passare è che a volte basta un attimo per pensare sia in negativo che in positivo. Può bastare un attimo per scivolare e cadere e un attimo per riflettere sulle conseguenze delle proprie azioni”.

Musica e immagini al posto delle parole. Nessuno dei protagonisti del cortometraggio, però, ha una voce propria. “Abbiamo sostituito la musica alle parole – aggiunge Guerrieri – Una musica cadenzata per sottolineare la precisione dell’orologiaio e la sua distrazione, con la caduta della cassa dell’orologio sul pavimento, e un’altra più armonica per esprimere la creatività del fumettista ed entrare noi stessi all’interno delle sue vignette. Solo all’ultimo è come se le due musiche si fondessero insieme per sottolineare l’incidente evitato”.

Data: 28/12/2015

Fonte: Superabile.it

Post precedente

Inclusione scolastica: un grande sogno di Natale

Prossimo post

La Casa dei risvegli cerca la nuova Befana della solidarietà

The Author

redazione

redazione