Associazione Volonwrite

Comunicazione Sociale sulla Disabilità

Nelle bambine a rischio autismo le probabilità di sviluppare una grave forma del disturbo sono minori rispetto a quelle dei maschi. Grazie alle loro migliori capacità empatiche. È quanto afferma un recente studio condotto sulla Yale University che ha indagato sulle differenze di genere nello sviluppo del disturbo. I ricercatori hanno provato la loro tesi mostrando a un gruppo di neonati con fratelli maggiori autistici un video in cui una donna sorrideva loro mentre tagliava un panino. I risultati del test hanno dimostrato che le femmine focalizzavano la loro attenzione sul volto della donna, i maschi sugli oggetti da lei utilizzati. I risultati sono stati pubblicati nel Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry.

Fonte: west-info.eu

(s.c./l.v.)

Categories: News

Comments are closed.