News

Legge 104 e permessi da lavoro per assistere familiare disabile. Durata e attività consentite

La Corte di Cassazione specifica la distinzione tra ferie e permessi retribuiti chiarendo però che possono servire anche per riposarsi dall’assistenza.

La Legge 104/92 prevede, come sappiamo, la possibilità di usufruire di alcuni permessi retribuiti per il lavoratore che debba assistere un familiare con handicap in situazione di gravità.
Rispetto all’utilizzo di questi permessi, su cui anche di recente sono tornate alcune sentenze, non di rado ci si pongono legittime domande. Tra queste, la questione se per “assistenza” si intenda necessariamente l’assistenza diretta, atta a svolgere alcune attività vitali in senso stretto, o anche tutta una serie di attività che sono, sì, di supporto all’assistito, ma che possono essere compiute anche non in sua presenza, ma per lui (esempio commissioni, disbrigo di pratiche, spese, ecc). Ci si chiede quindi: quando sono in permesso ex L. 104/92 devo necessariamente essere sempre con la persona da assistere? Posso dedicarmi a commissioni per lui, anche in sua assenza? Che tipo di attività sono contemplate nella definizione di “assistenza” che giustifica il permesso? Etc.

PERMESSI PER FARE UNA VACANZA – Giova quindi riportare la posizione in materia, della Corte di Cassazione, che nella sentenza 23 dicembre 2016, n. 3209 (II sezione penale), torna sulla natura di questi permessi.
Il caso di specie era quello di una lavoratrice che era stata condannata per truffa (art. 640 codice penale) per aver utilizzato i tre giorni di permesso per fare un viaggio all’estero – senza il parente disabile. La Corte di Cassazione ha rigettato la difesa della donna, che aveva portato una lettura dei giorni di permesso come giorni che potessero servire, oltre ad assistere la persona con handicap anche a “recuperare le energie” proporio a causa del lavoro di assistenza. Come detto, la Corte ha rigettato questa lettura dei tre giorni di permesso come “tre giorni feriali di libertà”, tuttavia ha anche fatto delle precisazioni interessanti sulla natura e lo scopo dei permessi.

Continua a leggere su Disabili.com

Data: 23/01/2017

Post precedente

Reversibilità per figli inabili conviventi e non conviventi

Prossimo post

Bronzo per la coppia Bertagnolli-Casal ai Mondiali di sci alpino

The Author

redazione

redazione