News

Legge di bilancio, 50 milioni in più per il Fondo non autosufficienza

Presentata dal Consiglio dei Ministri la legge di bilancio e la manovra finanziaria per il triennio 2017-2019. Stanziamenti maggiori per fondo non autosufficienza, scuole con disabili e insegnanti di sostegno, sanità.

LA MANOVRA – Come ogni anno il Governo fa un bilancio della propria situazione economica e programma come stanziare le sue risorse finanziarie nell’arco dei prossimi tre anni nei settori che più ne sentono la necessità. Sabato scorso il Governo ha quindi dato il via libera alla nuova legge di bilancio con annessa manovra finanziaria. In questi giorni è stata anche inviata al Consiglio dell’Unione Europea a Bruxelles.
Quest’anno la Manovra è salita a 27 miliardi di euro disponibili ed è volta a sostenere la crescita e a rafforzare i servizi di base a disposizione di tutti i cittadini (sicurezza, salute, istruzione) oltre a contenere misure specifiche di sostegno alle fasce sociali più deboli.

I PUNTI CALDI PER IL SOCIALE – Vediamo in dettaglio cosa è stato pensato per gli ambiti di nostro maggior interesse.

Il primo dato significativo è che la Manovra stanzia 50 milioni in più per il Fondo non autosufficienza. Promessa mantenuta da Renzi che già il 17 settembre 2016, in occasione della Conferenza Nazionale sulle Politiche della Disabilità a Firenze aveva dichiarato: “Io sono qui per ribadire che il tema della disabilità, così come abbiamo fatto con il Dopo di Noi e per le altre leggi approvate, è un pilastro dell’azione di governo. E ritengo che nella legge di Stabilità riusciremo anche ad aumentare, seppur di poco, il fondo per la non autosufficienza.”

Un miliardo in più su scuola e università, non solo per i decreti legislativi per la Buona Scuola ma anche per un intervento per le scuole non statali, per le materne paritarie e per quelle che hanno insegnanti di sostegno e che hanno un numero di disabili rilevante.

Continua a leggere su Disabili.com

Data: 18/10/2016

Post precedente

Disabilità e diritti. I punti su cui l’ONU controllerà l’Italia

Prossimo post

I nuovi mercati del turismo accessibile

The Author

redazione

redazione