Associazione Volonwrite

Comunicazione Sociale sulla Disabilità

Lunedì 13 luglio a La Salute in Comune si è parlato di omofobiacon Roberto Emprin, del Servizio LGBT del Comune di Torino e Andrea Perdichizzi, psicologo del Servizio Disabilità e Sessualità del Servizio Passepartout del Comune di Torino.

Il Servizio LGBT nasce a Torino nel febbraio 2001 e si occupa del superamento delle discriminazioni nei confronti delle persone omosessuali, transessuali e transgender, all’interno del più ampio settore Pari Opportunità. Il servizio, allora il primo in Italia, nasce per accogliere la proposta delle Associazioni del Coordinamento Gay Lesbiche Transessuali di Torino (ora Coordinamento Torino Pride) di prendere in carico la livello istituzionale e amministrativo la tutela e la sensibilizzazione locale su queste tematiche. La finalità è quella di far conoscere le condizioni di vita delle persone omosessuali e transessuali, evidenziarne i bisogni per orientare le azioni e gli interventi, analizzare la percezione sociale dell’omosessualità e della transessualità per impostare azioni di sensibilizzazione e cambiamento culturale concrete, oltre a informare e sensibilizzare pubblicamente tutta la popolazione.

Al Comune di Torino, questa volta al settore Disabili, appartiene anche il Servizio Disabilità e Sessualità, nato per supportare le persone con disabilità nell’ambito delle relazioni affettive e che vede al suo interno anche un sostegno specifico per le persone omosessuali con disabilità fisico-motoria che spesso subiscono una doppia discriminazione: sono omosessuali (o bisessuali, o trans) e disabili.

All’interno del Servizio è anche possibile partecipare a gruppi di Auto Mutuo Aiuto per la condivisione di esperienze e punti di vista e la creazione di una rete di scambio di informazioni e soluzioni. Inoltre, è possibile di usufruire delle proposte e opportunità cittadine per quel che riguarda i luoghi di incontro LGBT e la loro l’accessibilità.

Comments are closed.