News

L’iPad diventa medico

L’Ipad è diventato uno spirometro. Si chiama Spiro l’App nata dalla collaborazione tra le società MIR Spirometry e App To You: l’obiettivo? Effettuare la spirometria a casa attraverso un semplice strumento grande come un telefonino ed un iPad. Il paziente, soffiando (o aspirando) all’interno di un boccaglio usa e getta, mette in movimento una turbina collegata allo spirometro, mentre il medico segue l’evolversi dell’esame in real time direttamente sul proprio iPad. Una volta terminato l’esame, il sanitario può accettare la prova o far eseguire nuovamente la stessa al paziente, consultare i risultati delle varie sessioni svolte e scrivere il referto medico al termine della visita. Archiviando il riepilogo dell’esame in formato PDF, inviarlo con e-mail o condividerlo con l’ospedale presso il quale esercita. Utilizzata da molti medici, per effettuare la spirometria anche a domicilio, lo spirometro Spirobank II è un dispositivo elettromedicale ma presto sarà utilizzabile da chiunque in modo autonomo. Da annoverare infine la possibilità di attivare dal pannello di controllo dell’applicazione una simpatica animazione, pensata per i pazienti in età pediatrica, che li aiuti nella corretta esecuzione dell’esame spirometrico. Intanto MIR Spiro è stato testato e viene correntemente utilizzato (tra gli altri) presso l’ospedale Agostino Gemelli e l’ospedale Bambino Gesù di Roma.

Fonte: iltempo.it

(s.c./s.f.)

Post precedente

Al bar bimbi e disabili scelgono da soli. Dall’Ascom la tovaglietta in simboli

Prossimo post

Conoscere lo "spettro"

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?