NewsSport&Disabilità

Orange Bowl Padova Campione d’Italia a squadre di boccia paralimpica

Sono i padovani dell’Orange Bowl i nuovi Campioni d’Italia a squadre di boccia paralimpica. Nel torneo che si è svolto proprio nel capoluogo di provincia veneto, i padroni di casa sono riusciti ad imporsi nonostante non godessero dei favori del pronostico. Incoraggiante terzo posto finale per la Bocciabili Torino ASD Sportento, allenata da Davide Visconti.

Un po’ a sorpresa l’Orange Bowl di Padova si è imposta contro la Superhabily Milano grazie ad un netto 7-2 nella finalissima di domenica; per i milanesi, vittoriosi in tutte le partite di qualificazione giocate sabato, non è stato il risultato forse sperato, viste le premesse. Gli amici della Bocciabili Torino ASD Sportento, con la partecipazione del nostro Mauro Costanzo insieme al compagno di squadra Diego Gili e ad un giocatore padovano “prestato” per l’occasione, non hanno tradito le attese e si sono piazzati al terzo posto nella finale di consolazione contro la Lupus 2014 Lecce: il risultato di 10-0 non ha lasciato spazio a recriminazioni, la vittoria è stata meritatissima.

Per quanto riguarda le specialità di coppia, la “nostra” CarlottaCocca” Visconti ha vinto un fantastico oro insieme a Gaia Recchia (Superhabily Milano) nella categoria BC3 sconfiggendo la coppia torinese formata da Roberto Regina e Cristina D’Ambrogio, che comunque porta a casa un’ottima medaglia d’argento. Terzo posto per Maurizio Zecchino (Orange Bowl) e Mirco Garavaglia (Superhabily Milano); quarti Francesco Frau e Antonino Puddu (Saspo Cagliari).

I Campionati si sono svolti sotto la supervisione della referente tecnica della Nazionale Italiana Liliana Pucci Aranda e con la partecipazione dei tecnici spagnoli Immaculada Penalver Gomez e Merce Aragones Aldoma. Inoltre, è stata l’occasione giusta per testare gli arbitri formati durante il recente corso di formazione organizzato dalla FISPES (Federazione Italiana Sport Paralimpici e Speciali).

Post precedente

I Campionati Italiani di boccia sbarcano a Padova

Prossimo post

Ricordando Franco Bomprezzi e le «persone con disabilità»

The Author

Marco Berton

Marco Berton