NewsSport&Disabilità

Paralimpiadi, oggi il via: tutti gli italiani favoriti

Ci siamo, l’attesa è finita. Con la cerimonia d’apertura, andata in scena ieri sera (ora italiana) allo stadio Maracanà di Rio de Janeiro, si sono ufficialmente aperte le 15° Paralimpiadi estive, che riempiranno palinsesti e colonne di testate specializzate e non fino al 18 settembre. Oggi partiranno le gare: chi sono gli Azzurri favoriti per le medaglie? Proviamo ad analizzare, sport per sport, le possibilità dei nostri atleti.

L’Italia è presente a Rio de Janeiro con 101 atleti (41 donne e 60 uomini, la più alta partecipazione femminile di sempre) impegnati in 14 discipline diverse: atletica leggera, canottaggio, ciclismo, equitazione, nuoto, paracanoa, paratriathlon, scherma in carrozzina, sollevamento pesi, tennis in carrozzina, tennistavolo, tiro a segno, tiro con l’arco e vela. La spedizione è composta da un mix di esperienza, tecnica, entusiasmo e sana incoscienza tali da poter sfociare nella conferma di campioni già affermati e, perchè no, in qualche bellissima sorpresa.

Le discipline dove nutriamo le maggiori speranze di vittoria sono, sicuramente, ciclismo, atletica leggera, scherma in carrozzina e nuoto. Per quanto riguarda il ciclismo, non possiamo immaginare nient’altro che un oro per un’atleta come Alex Zanardi, paladino del movimento paralimpico nostrano e pluridecorato handbiker (la bicicletta che si pedala con le mani) di fama internazionale; discorso simile per Ivano Pizzi e la sua guida (e fratello) Luca Pizzi. Nell’atletica i riflettori saranno inevitabilmente puntati su Martina Caironi, la donna più veloce al mondo in quella che è considerata, da sempre, la prova regina delle Olimpiadi: i 100 metri; non solo Martina: in generale, la formazione dell’atletica è rappresentata da atleti di altissimo livello come Assunta Legnante (getto del peso), Oxana Corso (100 e 200 metri), Oney Tapia (lancio del disco) e i veterani Alvise De Vidi (400 metri) e Roberto La Barbera (salto in lungo). Nella scherma in carrozzina sarà invece impegnata la sportiva del momento, protagonista in pedana e in tv, quella Beatrice “Bebe” Vio capace di laurearsi Campionessa Mondiale ed Europea nel fioretto individuale a soli 19 anni. Buone possibilità anche per il fioretto femminile a squadre, con Bebe insieme alle compagne Andreea Mogos e Loredana Trigilia. Chiudiamo questa prima parte di rassegna con le stelle del nuoto Cecilia Camellini e Federico Morlacchi, capaci, in due, di collezionare la bellezza di due ori e cinque bronzi nella sola Paralimpiade di Londra 2012.

Negli altri sport, i possibili candidati a salire sul podio (con la speranza di vederli sul gradino più alto), possiamo ricordare Elisabetta Mijno ed Eleonora Sarti (tiro con l’arco), Marco Gualandris e Marta Zanetti (vela), Andrea Borgato, Michela Brunelli e Clara Podda (tennistavolo), Tommaso Schettino, Florinda Trombetta e Valentina Grassi (canottaggio), Veronica Yoko Plebani (canoa), Sara Morganti (equitazione), Michele Ferrarin e Giovanni Achenza (triathlon), Martina Barbierato (sollevamento pesi) e Nadia Fario (tiro a segno).

Post precedente

Abilitart: arte, sport e disabilità si incontrano a Rio

Prossimo post

Videogiochi e accessibilità

The Author

Marco Berton

Marco Berton